title_magazine

Il profeta

di Jacques Audiard

A pochi mesi dall’uscita nelle sale di Il profeta (Un Prophète, 2009), la BIM ha distribuito anche la versione homevideo dell’ultimo film del regista francese Jacques Audiard. Il profeta è stato presentato a Cannes 2009 dove si è guadagnato il Grand Prix e successivamente è stato scelto per rappresentare la Francia per il premio Oscar e facendo una vera e propria incetta di premi ai César 2010. Apprezzato da critica e pubblico, Il profeta è un prison movie nel quale Audiard racconta con fermezza e misura la storia del giovane Malik, ragazzo di origini maghrebine, proveniente da qualche banlieue e cresciuto in orfanotrofio, interpretato dall’esordiente Tahar Rahim.

Il profeta inizia quando Malik El Djebena entra nella prigione Centrale per scontare gli ultimi anni della sua pena: solo al mondo, Malik è subito facile prenda degli altri detenuti e viene notato dal boss corso Luciani, interpretato da Niesl Arestrup. che decide di prenderlo sotto la sua protezione, ma prima dovrà superare una prova, vale a dire uccidere lo spacciatore appartenente al gruppo rivale degli arabi.
Dopo questa prova, la vita in carcere di Malik cambia: decide di imparare a leggere e scrivere, vive protetto da Luciani e dai suoi, ma allo stesso tempo è ormai legato alle regole della criminalità organizzata. Malik allora inizia a sfruttare tutto quello che ha imparato per farsi amici i musulmani e provare a sottrarsi alle regole del gioco, ma dovrà decidere da quale parte stare.

Il profeta si concentra tutto attorno alla metamorfosi di Malik, è lui il fulcro di tutto, è l’elemento di attrazione: un ragazzo, solo e perso, apparentemente destinato a soccombere nella prigione, riesce a farsi strada tra la bande opposte. Il suo volto spaesato, che ancora mantiene una sfumatura dell’ingenuità giovanile, gli permette d’insinuarsi, di carpire segreti di nascosto e trasformarsi lentamente. Malik è dunque il centro del film e l’edizione homevideo della BIM ne è ulteriore dimostrazione. Nel secondo disco dedicato ai contenuti speciali sono state inserite le scene eliminate ed alcune di queste sono precedute da un commento del regista che spiega il motivo della scelta e dalle prove di Tahar Rahim. Proprio queste ultime, per chi riesce a capire il francese, sono un interessante avvicinamento al personaggio e anche un utile strumento di comprensione del lavoro con gli attori di Audiard, lavoro che emerge chiaramente nella visione del film. Sono state scelte alcune scene, tra cui quella dell’intervista che viene fatta a Malik all’ingresso della prigione, che Tahar Rahim prova in diversi momenti.

Le scene eliminate commentate da Audiard dimostrano come tutto il film si concentri sulla costruzione del personaggio di Malik a partire da quella in cui il personaggio di Reyeb il Fantasma, prevede cosa succederà: le previsioni che Ryab fa a Malik sono anche il motivo per cui lo chiamano il profeta. La scena eliminata inserita nel DVD è una delle varie scene nelle quali Reyeb, lo spacciatore arabo ucciso da Malik su mandato di Luciani, appare al ragazzo e Audiard spiega che il personaggio del fantasma è nato in fase di scrittura per cercare di dare profondità e spessore a Malik, serve a disegnarne in modo più accurato l’interiorità.

L’edizione homevideo della BIM è dunque sicuramente interessante per comprendere e approfondire il personaggio di Malik e il lavoro del regista con Tahar Rahim, una scelta interessante, completa ed efficace che naturalmente si unisce alla possibilità di poter vedere il film in lingua originale senza perdere così l’intreccio linguistico che è elemento fondamentale de Il profeta.

Alice Casalini

Cast & CreditsIl profeta (Un Prophète)
Regia: Jacques Audiard; soggetto: Abdel Raouf Dafri, Nicolas Peufaillit, da un’idea di Abdel Raouf Dafri; sceneggiatura: Jacques Audiard, Thomas Bidegain; fotografia: Stéphane Fontaine; montaggio: Juliette Welfling; musica: Alexandre Desplat; scenografia: Michel Barthelemy; suono: Brigitte Taillandier, Francis Wargnier, Jean-Paul Hurier; interpreti: Tahar Rahim, Niels Arestrup, Adel Bencherif, Reda Kateb, Hichem Yacoubi; origine: Francia, 2009; formato: 35 mm, col.; durata: 150’; produzione: Why Not Productions, Chic Films, France 2 Cinéma, UGC Images (Francia), in collaborazione con Bim Distribuzione (Italia); distribuzione: Bim.
DVD nella confezione: 2; supporto: DVD9 – singola faccia doppio strato; regione: 2; formato video: 16/9, 1.85:1; formato audio: Dolby Digital; tracce audio: Francese (originale, 2.0), Italiano (5.1); lingue sottotitoli: Italiano; contenuti extra: DVD1: Trailer Cinematografico, DVD2: Scene eliminate con il commento del regista Jacques Audiard (11’), scene eliminate (11’), prove del protagonista Tahar Rahim (14’).

Versione stampabile: Enregistrer au format PDF
fine_sezione
title_news
mercoledì 19 settembre 2018

On line il sito Missing at the Borders

E’ on line il sito https://missingattheborders.org/ che intende dare voce e dignità alla famiglie (...)

mercoledì 19 settembre 2018

In sala La libertà non deve morire in mare

Esce nelle sale giovedì 27 settembre con Distribuzione Indipendente il documentario La libertà (...)

lunedì 10 settembre 2018

Venezia75: alle GdA due premi per Joy

Alle Giornate degli Autori della Mostra di Venezia ben due premi sono andati a Joy della (...)

lunedì 10 settembre 2018

Venezia75: premiato 1938 Diversi

Presentato fuori concorso a Venezia 75 - in sala dall’11 ottobre e il 23 ottobre su Sky Arte - (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha