title_magazine

Soul Boy

di Hawa Essuman

L'anima mangia la paura

Non è male chiudere l’anno con questo Soul Boy, opera prima della 31enne Hawa Essuman, prodotta e supervisionata da un mentore d’eccezione come il tedesco Tom Tykwer (Lola corre, Profumo, The International). In fondo possiamo considerarlo un film natalizio (in Germania è uscito il 2 dicembre) ed è sicuramente molto più interessante di Un altro mondo di Muccino jr., che pure è stato parzialmente girato nello stesso slum di Kibera, in Kenia. Il protagonista Abila ha forse qualche anno in più di Charlie, ma nessuno lo porta via dal suo inferno verso la dorata Europa, anzi, il destino gli riserva la possibilità di dimostrare a se stesso e agli altri il proprio valore e la propria dignità.

Tutto parte quando una mattina, risvegliatosi da un incubo nel negozio-abitazione che divide col padre, Abila (14 anni) trova l’uomo ancora a letto e in preda a uno strano torpore. Riesce solo a capire che la causa di questo malessere è una donna. La madre sarta non gli dà ascolto, solo la coetanea Shiku (Leila Dayan Opou), che è di etnia Kikuyu mentre lui è Luo, si offre di aiutarlo a scoprire come risuscitare il padre. Ben presto, Abila capisce che il padre è vittima di Mama Akinyi (Rose Adhiambo), una nyawawa (spettro), che per vendetta contro gli uomini lo ha sedotto e gli ha portato via l’anima. Facendosi coraggio, la incontra e convince la donna a dargli l’opportunità di dimostrare il proprio coraggio: se supererà in 24 ore le sette prove che si richiedono in genere a uomini fatti, potrà riscattare l’anima del padre.

Seguito da Shiku, Abila attraversa in lungo e in largo il grande slum di Kibera e affronta prove fisiche e morali estreme pur di riuscire nel suo intento. Arriverà a salvare la vita a un ladro che rischiava il linciaggio e a una bambina bianca che rischiava di morire soffocata, ma alla fine sarà solo grazie a un intervento decisivo di Shiku che potrà superare la sfida con la paura della morte, evocata nell’incubo della prima sequenza. Imparerà a conoscere i propri limiti e a superarli, che fuori di Kibera abitano famiglie bianche ricche ma non necessariamente felici, e che i nyawawa sono rancorosi ma di parola.

Soul Boy è una favola iniziatica dagli intenti esplicitamente didascalici. Ad interessare però è soprattutto il progetto che sta dietro il film, i suoi ipotetici sviluppi e le prospettive che si aprono per la debuttante regista. Essuman è nata ad Amburgo nel 1980 da genitori ghanesi ma è cresciuta a Nairobi. La sua carriera è iniziata nel 2006 con il documentario Through My Eyes sulla generazione ruandese postgenocidio, poi ha lavorato nel 2007 da assistente nella serie tv Makutano Junction, e in seguito ha realizzato tre corti (Cold War, Coming Out, The Lift). Il progetto di Soul Boy è nato nel settembre 2008 su iniziativa di Tom Tykwer e della moglie Marie Steinmann, da anni attiva come volontaria negli slum di Nairobi con una ONG inglese (Anno’s Africa): si trattava di girare, con la società di produzione di Tykwer (One Fine Day Films) e in collaborazione con una società locale (la Ginger Ink) un film a basso costo, con una troupe ridotta all’osso, e un cast tecnico artistico da formare e reperire proprio nello slum di Kibera. Con una sceneggiatura scritta dal keniota Billy Kahora, la lavorazione ha avuto appena una settimana di preproduzione e si è svolta dal 17 novembre al 1 dicembre 2008.

Presentato in anteprima a gennaio al Göteborg International Film Festival, il film ha avuto una buona accoglienza in festival maggiori (Rotterdam, Berlino) mietendo premi a Rotterdam e Leuven e riscuotendo interesse in numerosi festival di interesse panafricano e non solo. In Italia è stato presentato in anteprima dall’ultimo Festival del Cinema Africano di Verona, dove ha vinto il Premio del pubblico. Un successo che non stupisce, vista l’efficacia comunicazionale del plot e dell’impianto registico, sostanzialmente scolastico – con una alternanza di campi/controcampi e totali, vivacizzati qua e là da scene d’azione con macchina a mano – ma sostenuto da un buon ritmo, nonostante il metraggio poco consueto (il film dura 61’). Difficile discernere dove comincia il talento dell’una e dove finisce la padronanza tecnica dell’altro. Bisognerà attendere la prossima prova di Essuman.

Certo, gli autori omettono di interrogarsi sulle ricadute di alcune scelte che fanno problema: tutti i film ancorati su protagonisti teenager finiscono per riportarci inevitabilmente all’imago infantilistica del continente nero, rafforzata qui dal riferimento archetipico alle trame dei racconti iniziatici e, per soprammercato, dall’enfasi sull’elemento magico. È possibile tuttavia anche leggere questi elementi alla luce di una volontà di essere popolari – di mantenere una possibilità di interazione col pubblico locale keniota e dell’Africa Orientale – che come tale ha una sua legittima ragion d’essere. Del resto, l’immagine di Kibera che emerge da Soul Boy nulla concede a una certa tendenza del cinema transnazionale degli ultimi anni – in Brasile hanno parlato in proposito di slumxploitation ma il fenomeno The Millionaire vi rientra a pieno. Inoltre, il film lancia messaggi importanti in direzione del dialogo interetnico, in un paese ancora lacerato dall’eredità degli scontri avvenuti a inizio 2008.

In ogni caso, Tykwer e compagna infatti sembrano conquistati anch’essi dal mal d’Africa, se è vero che dopo Soul Boy è nato un progetto più strutturato e permanente di formazione e promozione (Film Africa!), che ha messo in cantiere tra l’altro un nuovo lungometraggio, diretto da David Tosh Gitonga e dal titolo provvisorio Nairobi Half Life. Come si voglia giudicare il progetto, si tratta dell’ennesimo segnale di vitalità che arriva dal quadrante orientale del continente nero, finalmente valorizzato anche da autori e critici europei e riconosciuto come fucina di talenti e non solo come sfondo esotico per megaproduzioni straniere.

Leonardo De Franceschi

Cast & CreditsSoul Boy
Regia: Hawa Essuman; supervisione alla regia: Tom Tykwer; sceneggiatura: Billy Kahora; fotografia: Christian Almesberger; montaggio: Ng’ethe Gitungo; suono: Matthias Lempert; musica: Xaver von Treyer; interpreti: Samson Odhiambo, Leila Dayan Opou, Krysteen Savane, Frank Kimani, Joab Ogolla, Lucy Gachanja, Katherine Damaris, Kevin Onyango Omondi, Calvin Shikuku Odhiambo, Nordeen Abdulghani; origine: Germania/Kenya, 2010; formato: 35 mm, 1:2.35, Dolby Digital; durata: 61’; produzione: Marie Steinmann e Tom Tykwer per One Fine Day Films, Ginger Ink Films; sito ufficiale: soulboy-film.org

Versione stampabile: Enregistrer au format PDF
fine_sezione
title_news
venerdì 31 maggio 2019

Riapre la Biblioteca IsIAO

Grazie alla collaborazione tra la Biblioteca Nazionale Centrale di Roma e l’Associazione (...)

martedì 9 aprile 2019

Minervini in sala a maggio

CHE FARE QUANDO IL MONDO È IN FIAMME? (What You Gonna Do When the World’s on Fire?) il film (...)

lunedì 1 aprile 2019

Il Rwanda alla Casa delle Donne

RWANDA, IL PAESE DELLE DONNE è il documentario di Sabrina Varani che sarà proiettato lunedì 8 (...)

venerdì 29 marzo 2019

FESCAAAL 2019: Tezeta Abraham madrina

Il prossimo sabato 30 marzo alle ore 10.00 presso l’Auditorium San Fedele di Milano si terrà la (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha