title_magazine

Hopeville

di John Trengove

La città della speranza

Il Sudafrica a 15 anni dalla fine dell’apartheid si confronta con una realtà complessa, a volte drammatica, nelle grandi città come nei piccoli centri: povertà, corruzione, droga, alcolismo, la diffusione del virus dell’HIV. Il cinema si confronta con questa realtà, la racconta con documentari (The Battle for Johannesburg, 2010) e di finzione (Il mio nome è Tsotsi, 2005; Jerusalema, 2008; Yesterday, 2004) e continua a dimostrarsi una delle realtà produttive più vivaci del continente africano. In questo contesto s’inserisce perfettamente il primo lungometraggio diretto da John Trengove, Hopeville (2010) e ispirato all’omonima, e molto popolare, serie televisiva del 2009 diretta dallo stesso Trengove.

Hopeville è la storia di un uomo, Amos, ex alcolista che in seguito alla morte della moglie si trova a doversi confrontare con Themba, suo figlio, un ragazzo con la passione per il nuoto. Trasferito per lavoro nella, sporca, isolata, abbandonata città di Hopeville, Amos e Themba cercano di ricostruirsi una vita. Nonostante le ostilità sul posto di lavoro e da parte del figlio che non ha fiducia nel padre, Amos cerca di recuperare la situazione ripulendo e restituendo alla città la piscina della città, abbandonata. L’atto di determinazione e coraggio di Amos che sfida il sindaco corrotto risveglia la coscienze assopite di questa piccola città dimenticata da tutti e infonde speranza per un possibile cambiamento nel futuro.

La prima cosa che emerge dalla visione di Hopeville è che è un film che risolve con troppa facilità i conflitti attraverso meccanismi che non vogliono entrare nella profondità dei temi affrontati e questo si nota sia nella sceneggiatura, sia nelle scelte di regia. I personaggi che entrano in relazione con Amos portano ognuno un aspetto interessante, dalla giovane immigrata irregolare che vende i gelati, interpretata da Terry Pheto (Tsotsi), il sindaco corrotto che tiene una città bloccata nella sua desolazione, nella sporcizia mentre per lui si è costruito una villa con tutti i comfort, gli impiegati dell’ufficio di Amos che sostano senza far nulla, perché viene loro impedito, nell’ufficio e i numerosi bambini rimasti orfani.

Nella piccola Hopeville che in realtà è la città di Waterval Boven, perfetta location scovata dallo scenografo Karel Flint dopo aver visitato più di settanta possibili cittadine, si racchiudono alcune delle piaghe che affliggono il paese e che trovano con semplice fiducia nella volontà e nella capacità di riscatto che ha l’uomo una possibile soluzione. Trengove utilizza diversi generi, passa dalla commedia al dramma, passando per momenti che sono evidenti richiami al western e i vari personaggi sono caratterizzati seguendo questi generi: ad esempio il rapporto complesso tra Amos e il figlio è drammatico, mentre tutto il mondo che ruota attorno al municipio e al sindaco rientra nei toni della commedia. Hopeville, abbandonata con la sua chiesa isolata nel paesaggio selvaggio, appena fuori dalla città richiama i paesaggi dei film western.

In questa terra di nessuno, dove il sindaco può governare quasi indisturbato, Amos ricomincia la sua vita e ha una seconda possibilità per riscattarsi con la società e con il figlio. Hopeville soffre sicuramente di alcuni elementi che semplificano eccessivamente per arrivare a una soluzione positiva, e anche di una direzione che risente dell’influenza dell’esperienza televisiva di Trengove, nonostante questo il film è interessante, riunisce un buon cast e il rapporto tra Amos e il figlio è uno spunto interessante per leggere i cambiamenti che vive il Sudafrica.

Alice Casalini

Cast & CreditsHopeville
Regia: John Trengove; sceneggiatura: Michelle Rowe, Roger Smith, John Trengove; fotografia: Willie Nel; musiche: Murray Anderson; montaggio: Jan Botha, Karyn Bosch, Bridgette Fahey-GoldSmith; scenografia: Karel Flint; interpreti: Desmond Dube, Terry Pheto, Themba Ndaba, Junior Singo, Paul Luckhoff, Jody Abrahams, Leleti Khumalo, Mary Twala, Isadora Verwey, Wilmien Rossouw, Glen Gabela, Jonathan Pienaar; origine: Sudafrica, 2010; formato: 35 mm, 1.85, Dolby Srd; durata: 90’; produzione: Curious Pictures, Heartlines, SABC Education; distribuzione: Humble Pie Entertainment; sito ufficiale: themoviehopeville.com

Versione stampabile: Enregistrer au format PDF
fine_sezione
title_news
mercoledì 19 settembre 2018

On line il sito Missing at the Borders

E’ on line il sito https://missingattheborders.org/ che intende dare voce e dignità alla famiglie (...)

mercoledì 19 settembre 2018

In sala La libertà non deve morire in mare

Esce nelle sale giovedì 27 settembre con Distribuzione Indipendente il documentario La libertà (...)

lunedì 10 settembre 2018

Venezia75: alle GdA due premi per Joy

Alle Giornate degli Autori della Mostra di Venezia ben due premi sono andati a Joy della (...)

lunedì 10 settembre 2018

Venezia75: premiato 1938 Diversi

Presentato fuori concorso a Venezia 75 - in sala dall’11 ottobre e il 23 ottobre su Sky Arte - (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha