title_magazine

Spud

di Donovan Marsh

Il diario di John Milton

Il panorama di film ambientati nei college e nelle scuole, nei quali si racconta l’adolescenza e la scoperta del mondo da parte di un ragazzo o di un gruppo di ragazzi, si fa sempre più ricco e variegato e coinvolge le cinematografie di tutto il mondo. Nel dicembre del 2010 in Sudafrica è uscito Spud, secondo lungometraggio del regista e sceneggiatore Donovan Marsh che ha riscosso molto successo nel suo paese d’origine. Il film, sostenuto da una corposa campagna pubblicitaria, è tratto dall’omonimo libro di John Van de Ruit, un piccolo best seller che ha venduto più di 100.000 copie. Spud s’inserisce a pieno titolo nella categoria dei film adolescenziali ambientati nei college anche se, vista l’ambientazione, ha sicuramente caratteristiche particolari.

È il 1990 quando il giovane John Milton, detto Spud, un ragazzo come tanti, arriva nel prestigiosa scuola privata Michaelhouse nella regione del KwaZulu-Natal. Inizia per lui un anno ricco di avventure, cambiamenti e di prove. Spud fa parte del gruppo dei Crazy 8, ragazzi dai soprannomi quali Geeko, Rampo, Rain Man o Man Dog. Le prime prove della sua vita da adulto, lontano da casa, le vive supportato dal conforto del suo diario sul quale annota tutto e dal rapporto che stringe con un professore alcolizzato che lo introduce nel mondo della letteratura inglese. In questo periodo Spud scopre le sue capacità, i suoi limiti, l’amore e il dolore la letteratura sarà la sua guida. Forse non a caso si chiama John Milton.

La zona di KwaZulu-Natal dove sono stati girati molti film, tra cui Blood Diamond-Diamanti di sangue (2006) di Edward Zwick, ha dei paesaggi spettacolari, la Michaelhouse è immersa nel verde, e i ragazzi approfittano della natura che li circonda per le loro fughe dalle pressioni della scuola, che siano goliardiche o intime e riflessive. Il primo anno al college di Spud coincide con uno delle tappe fondamentali della storia del Sudafrica perché il 2 febbraio 1990 l’allora presidente del Sud Africa Frederik Willem de Klerk annunciò che Nelson Mandela sarebbe stato liberato. Spud e i suoi compagni apprendono la notizia quando la loro visione del film Pretty Woman viene interrotta per far vedere loro il notiziario nel quale viene annunciata la storica liberazione: la preoccupazione di Spud è immaginare la reazione del padre a questa notizia perché pensa che in questo modo il paese sarà guidato dai comunisti.

La coincidenza storica della liberazione di Mandela ha lievi ripercussioni in Spud: qualche riflessione di Milton, qualche attrito evidente tra i ragazzi neri e i bianchi della scuola, ma l’evento è più un elemento di sfondo, una nota di cronaca che non un tassello fondamentale della storia. Spud non brilla per originalità, la sceneggiatura ben scritta, semplice e lineare, è supportata però da dialoghi serrati e divertenti. Donovan che con la sua opera prima, Dollars and White Pipes (2005), aveva attirato molta attenzione, non si fa notare per tratti distintivi particolari. Certo la scoperta di Spud è sicuramente l’interpretazione del giovanissimo Troye Sivan, ma c’è anche una sempre apprezzata apparizione di John Cleese, ex Monty Python.

Il successo di Spud in Sud Africa, tra il libro e il film, non ha però portato ancora a nessun particolare interesse per il film in altri paesi: non ha partecipato a festival e non è uscito in nessun altro paese, neppure in Inghilterra. Manca a Spud quell’elemento di originalità necessario perché un film adolescenziale ambientato in un liceo possa trovare spazio anche oltre il confine dello stato che l’ha prodotto e che lo percepisce in ogni suo elemento e vi trova la possibilità d’identificarsi.

Alice Casalini

Cast & CreditsSpud
Regia: Donovan Marsh; sceneggiatura: Donovan Marsh; fotografia: Lance Gewer; montaggio: Megan Gill; scenografia: Tom Gubb; interpreti: John Cleese, Troye Sivan, Tanit Phoenix, Jason Cope, Jeremy Crutchley, Aaron McIlroy, Julie Summers, Graham Weir; origine: Sudafrica, 2010; formato: 35 mm, colore; durata: 105’; produzione: Rogue Star Films, BLM Productions; sito ufficiale: spudthemovie.com

Versione stampabile: Enregistrer au format PDF
fine_sezione
title_news
mercoledì 19 settembre 2018

On line il sito Missing at the Borders

E’ on line il sito https://missingattheborders.org/ che intende dare voce e dignità alla famiglie (...)

mercoledì 19 settembre 2018

In sala La libertà non deve morire in mare

Esce nelle sale giovedì 27 settembre con Distribuzione Indipendente il documentario La libertà (...)

lunedì 10 settembre 2018

Venezia75: alle GdA due premi per Joy

Alle Giornate degli Autori della Mostra di Venezia ben due premi sono andati a Joy della (...)

lunedì 10 settembre 2018

Venezia75: premiato 1938 Diversi

Presentato fuori concorso a Venezia 75 - in sala dall’11 ottobre e il 23 ottobre su Sky Arte - (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha