title_magazine

18 volte Medfilm Festival

di Leonardo De Franceschi

Uno sguardo al programma del festival mediterraneo

Al via dal 19 e fino al 28 ottobre, il Medfilm Festival, storica manifestazione romana dedicata al cinema del Mediterraneo ed europeo, festeggia i suoi diciotto anni, anticipando le date e ancorando la programmazione a tre location importanti come l’Auditorium della Conciliazione, la Casa del Cinema e l’Istituto Cervantes.
Tradizionalmente il festival propone due paesi ospiti d‘onore, dalla sponda nord e sud. Quest’anno la sponda sud sarà raccontata da Marocco, Tunisia, Algeria, Egitto, Turchia e Libano i paesi cui il MedFilm ha stretto le alleanze più forti nel corso di 18 anni di lavoro, e da cui avremo testimonianze dirette di della Primavera araba a un anno di distanza dal suo inizio. A più di un anno dalla primavera araba, il Medfilm indaga sul “dopo”. Gli autori della sponda sud, abbandonando i facili entusiasmi della rivoluzione, inquadrano spaccature, luci e ombre della società araba.

Il cinema, con una critica feroce, ma onesta (perché indirizzata agli stessi protagonisti della rivoluzione), approfondisce le contraddizioni e sottolinea gli smarrimenti che vengono dai laboratori di democrazia che fervono nel Nordafrica e più avanti, oltre l’Egitto nell’incendiata Siria. I film selezionati sono la preziosa testimonianza della ventata di libertà di un movimento che, non interrotto e lontano dal concludersi, invoca e cerca un cambiamento militante e vigile, che possa preservare le caratteristiche di unicità e dunque di diversità proprie di ognuno dei paesi dell’area Nordafricana, troppo spesso da noi europei erroneamente omologati in definizioni generiche e indistinte. Chi segue il festival ha imparato a conoscere ed approfondire le differenze che caratterizzano il cinema nordafricano, in grande crescita, testimonianza del rilancio sulla scena culturale internazionale di un’area del mondo che ha moltissimo da offrire alla stanca Europa che lentamente prova ad accompagnare il cambiamento dei vicini dell’Altra sponda.

Tra i lungometraggi selezionati per il Concorso Ufficiale Premio Amore e Psiche, segnaliamo in particolare l’algerino El taaib/Le Repenti di Merzak Allouache, già presentato all’ultima Quinzaine, e il marocchino Rêves ardents di Hakim Belabbès, sul dramma dell’emigrazione clandestina verso la Spagna, che ha ricevuto due premi al Festival di Dubai. Nel Concorso Doc Open Eyes passeranno documentari girati in piena rivoluzione già apprezzati in vetrine importanti come Venezia (il tunisino Ya Man Aach/It Was Better Tomorrow) e Sundance (l’egiziano 1/2 Revolution).

Nell’ambito del festival si terrà, com’è tradizione, il Forum di approfondimento dedicato quest’anno al tema dei “Nuovi Confini dell’Europa, tra Occidente ed Oriente”. Il Forum è organizzato dalla Rappresentanza in Italia della Commissione Europea e dall’Ufficio d’informazione in Italia del Parlamento Europeo, in collaborazione con il Medfilm Festival e con l’adesione del Presidente della Repubblica. Si tratterà di un’occasione per parlare di cultura e dialogo, strumenti preziosi e necessari all’Europa per rimanere in contatto con i propri vicini e per accompagnare il processo di cambiamento in atto nel Mediterraneo.

Versione stampabile: Enregistrer au format PDF
fine_sezione
title_news
venerdì 31 maggio 2019

Riapre la Biblioteca IsIAO

Grazie alla collaborazione tra la Biblioteca Nazionale Centrale di Roma e l’Associazione (...)

martedì 9 aprile 2019

Minervini in sala a maggio

CHE FARE QUANDO IL MONDO È IN FIAMME? (What You Gonna Do When the World’s on Fire?) il film (...)

lunedì 1 aprile 2019

Il Rwanda alla Casa delle Donne

RWANDA, IL PAESE DELLE DONNE è il documentario di Sabrina Varani che sarà proiettato lunedì 8 (...)

venerdì 29 marzo 2019

FESCAAAL 2019: Tezeta Abraham madrina

Il prossimo sabato 30 marzo alle ore 10.00 presso l’Auditorium San Fedele di Milano si terrà la (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha