title_magazine

Rebelle/War Witch

di Kim Nguyen

Streghe bambine

Non è facile affrontare un tema complesso e tragico come quello dei bambini soldato. Nel 2007 il regista nigeriano Newton Aduaka vince il FESPACO con Ezra, film che racconta la storia di un bambino soldato, delle violenze atroci che ha commesso e della rimozione dei ricordi di quel periodo della sua vita. Nel 2012 alla 62ma Berlinale la giovane Rachel Mwanza conquista il pubblico e la giuria vincendo l’Orso d’Argento come miglior attrice per la sua interpretazione in Rebelle, ultimo film del regista canadese (di origini vietnamite) Kim Nguyen: la giovane attrice non protagonista dà vita al personaggio di Komona, una bambina di 12 anni che si trova costretta a diventare un soldato per sopravvivere. Nguyen, al suo quarto lungometraggio dopo Le Marais (2002), Truffe (2007) e La Cité (2009), ha messo in scena una storia che ha avuto una lunga gestazione, quasi dieci anni, e che è nata dalla lettura di un reportage sui bambini soldato in Birmania.

Rebelle inizia una mattina come tante in un villaggio del Congo dove Komona, una dodicenne, vive tranquillamente con i suoi genitori. Quella mattina però arrivano dei soldati ribelli che massacrano gli abitanti del villaggio, danno fuoco alle case e prendono i bambini per farne dei soldati ribelli. La piccola Komona per sopravvivere si trova ad affrontare la sua prima tragica prova: deve uccidere i suoi genitori se vuole sopravvivere. Arruolata a forza, Komona durante l’addestramento nella foresta conosce un ragazzo albino, Magicien. I due s’innamorano e quando ne hanno occasione provano a fuggire dai ribelli, tornano al villaggio del ragazzo e tentano di ricominciare a vivere. I ribelli però riescono a trovarli e il sogno di libertà di Magicien e Komona si sgretola.

Nguyen mantiene il film su due livelli paralleli, uno strettamente aderente alla realtà e un altro più onirico che vive nei racconti che Komona fa della sua storia alla figlia che porta in grembo. Questa alternanza è caratterizzata anche da una differenza linguistica: la parte del racconto che fa la giovane Komona con una voce fuori campo è infatti in francese, mentre il resto del film è in lingua lingala. Un elemento questo che sottolinea la separazione tra i due piani che però si compensano senza concessioni a facili soluzioni retoriche. Rebelle è diviso in tre capitoli, 12, 13 e 14 che si riferiscono all’età di Komona: tre anni nei quali la bambina viene privata dell’ingenuità dell’infanzia, scopre l’amore, vive nell’orrore e nella violenza, diventa madre, si trova sola e nonostante questo trova il coraggio per andare avanti. Il volto della giovane interprete Rachel Mwanza è il cuore di Rebelle, strega bambina che con le sue visioni prevede il futuro e che, privata di ogni libertà e dei suoi affetti, rimane salda a una speranza di un’altra possibile vita.
Nguyen ha scelto di girare il film seguendo l’ordine cronologico per non influenzare i giovani attori e di girare in HD: in questo modo è riuscito a stare più vicino, seppur in modo discreto, agli attori, riuscendo a restituire immagini essenziali ed efficaci.

Rebelle è un film che, seppur intriso di elementi onirici, quasi mitologici, rimane ancorato alla cruda realtà e ne racconta sia i dettagli più atroci e violenti, sia la gioia dell’adolescenza e dei sentimenti di due ragazzi che cercano un gallo bianco come simbolo del loro amore puro. Rebelle nonostante il suo passaggio alla Berlinale e al Tribeca (miglior attrice e miglior film di finzione) e la nomination come miglior film straniero agli Oscar di quest’anno, rimane uno dei tanti film che sarebbe stato bello vedere nei cinema italiani ma che nessun distributore ha avuto ancora il coraggio di prendere.

Alice Casalini

Cast & CreditsRebelle/War Witch
Regia: Kim Nguyen; sceneggiatura: Kim Nguyen; fotografia: Nicolas Bolduc; suono: Martin Pinsonnault; montaggio: Richard Comeau; scenografia: Emmanuel Fréchette; costumi: Éric Poirier; interpreti: Alain Bastien, Serge Kanyinda, Rachel Mwanza, Mizinga Mwinga, Ralph Prosper; origine: Canada, Repubblica Democratica del Congo, 2012; formato: HD, HDCP; durata: 90’; produzione: Item 7 e Shen Studio; sito ufficiale: rebelle-lefilm.com

Versione stampabile: Enregistrer au format PDF
fine_sezione
title_news
mercoledì 19 settembre 2018

On line il sito Missing at the Borders

E’ on line il sito https://missingattheborders.org/ che intende dare voce e dignità alla famiglie (...)

mercoledì 19 settembre 2018

In sala La libertà non deve morire in mare

Esce nelle sale giovedì 27 settembre con Distribuzione Indipendente il documentario La libertà (...)

lunedì 10 settembre 2018

Venezia75: alle GdA due premi per Joy

Alle Giornate degli Autori della Mostra di Venezia ben due premi sono andati a Joy della (...)

lunedì 10 settembre 2018

Venezia75: premiato 1938 Diversi

Presentato fuori concorso a Venezia 75 - in sala dall’11 ottobre e il 23 ottobre su Sky Arte - (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha