title_magazine

In morte di un anticolonialista

di Leonardo De Franceschi

La scomparsa di René Vautier (1928-2015)

È morto il 4 gennaio in Bretagna, la regione dov’era nato (a Camaret-sur-Mère) il 15 gennaio 1928. Avrebbe quindi compiuto tra pochi giorni 87 anni, René Vautier. Una vita piena, la sua, sempre in prima linea per i diritti dei popoli colonizzati, per la dignità del popolo bretone, contro il razzismo, il fascismo risorgente, l’inquinamento. La Mostra di Venezia gli ha reso un omaggio due anni fa presentando la versione restaurata di Avoir vingt ans dans les Aurès (1972), forse il suo film più popolare, premiato dalla critica a Cannes, nel quale cercava di raccontare la guerra d’Algeria dal punto di vista di un soldato bretone, rieducato dall’antimilitarismo iniziale alla caccia spietata al fellagha. Più di recente, il festival Logos di Roma, organizzato al CSOA Ex-Snia ha presentato in anteprima mondiale il suo ultimo lavoro, un documentario girato a quattro mani con la figlia Moïra Chappedelaine-Vautier, Histoires d’images, Images d’Histoire (2014), sulla memoria di una storica manifestazione operaia nella Brest distrutta del 1950, soffocata nel sangue.

Cineasta operaista, attivo da giovanissimo e decorato da de Gaulle per il suo ruolo di primo piano nella resistenza francese, Vautier si diploma nel 1948 all’IDHEC per dedicarsi da subito a un cinema diretto, scomodo, dalla parte dei subalterni. Il suo esordio lo consegna subito alla storia del documentario del Novecento, con Afrique 50, considerato il primo documentario anticolonialista prodotto in Francia, girato a soli 21 anni; inviato dalla Lega francese per l’insegnamento a testimoniare i benefici della colonizzazione nell’ambito scolastico, Vautier si trova a toccare con mano gli effetti nefasti del colonialismo francese nei paesi dell’Africa occidentale, e produce un pamphlet che gli vale oltre 40 anni di messa al bando e alcuni mesi di prigione.

Ma è sul fronte caldissimo della guerra d’Algeria che Vautier spenderà la sue energie creative e civili migliori. Nel 1954 gira un primo film di repertorio sulla conquista d’Algeria (1830) che termina pochi giorni dopo l’inizio della rivolta sull’Aurès, invocando un dialogo con il Fronte di Liberazione Nazionale. Verrà processato per attentato alla sicurezza nazionale dello Stato per questo film, sequestrato e andato perso. Nel 1956 decide di recarsi in Algeria per capire cosa stesse effettivamente succedendo, dal momento che la cortina fumogena eretta dai media nazionali era fittissima. Passa prima in Tunisia, da poco indipendente, e gira tra il 1957 e il 1958 ai confini tra i due paesi Algérie en flammes, un documentario di venti minuti postprodotto in Germania dell’Est. Si trova testimone del tragico massacro di Sakiet Sidi Youssef, l’8 febbraio 1958, costato oltre 70 vittime, diversi dei quali bambini e procurato dall’aviazione francese, dopo il quale decide di interrompere le riprese e chiudere il montaggio ritenendo fosse fondamentale mostrare il film prima possibile. Terminato il film, tuttavia, Vautier ignora che il suo referente in seno all’FLN è stato eliminato in quanto considerato ostile a Ben Bella, e finisce lui stesso incarcerato e torturato per due anni dalle autorità provvisorie algerine. Liberato e completamente riabilitato in quanto protagonista della scena del nuovo cinema algerino anticoloniale, Vautier assume l’incarico di direttore del Centre audiovisuel d’Alger dal 1962 al 1965 ma senza mai rinunciare all’indipendenza e alla libertà di giudizio, come prova una storica lite con Fanon.

Rientrato in Francia, entra nella banda di cineasti-operaisti del Groupe Medvedkine, insieme a Ivens, Godard e Marker e combatte una battaglia di libertà, impegnandosi di persona in uno sciopero della fame dal 1° gennaio 1973 contro la censura politica, in protesta contro un blocco opposto a un film che ricordava la terribile strage dimenticata del 17 ottobre 1961 avvenuta a Parigi contro i manifestanti a favore dell’Algeria libera. Sempre pronto a mettere a disposizione la sua energia alle cause più urgenti, Vautier è rimasto protagonista assoluto della scena del cinema diretto fino agli anni Duemila, quando la sua opera pluridecennale è stata progressivamente riscoperta e fatta oggetto di omaggi.
Nel 2013, la cooperativa Les Mutins de Pangée ha editato una pregevole edizione libro più dvd di Afrique 50 (vedi) che non dovrebbe mancare nella biblioteca di nessun DAMS o scuola di cinema degni di questo nome.

Ricordo con particolare calore la testimonianza di sua figlia Moïra (nella foto ritratta con il padre), in cui emergevano insieme la consapevolezza del ruolo storico giocato da un cineasta come René Vautier per un cinema libero e in grado di smuovere le coscienze intorno a temi di fondamentale rilevanza per la civiltà di un paese, il desiderio di battersi per il recupero di questa memoria e una sorta di presa di testimone per portare avanti, con modestia, questa missione.

Versione stampabile: Enregistrer au format PDF
fine_sezione
title_news
giovedì 21 marzo 2019

Rappresentare le migrazioni oggi

Lunedì 25 marzo, alle ore 17.30, in via della Dogana Vecchia 5 (Roma) si svolgerà la serata (...)

giovedì 21 marzo 2019

Fescaaal 2019: apre Fiore gemello

La cerimonia di apertura del 29° Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina (FESCAAAL) (...)

lunedì 18 marzo 2019

La cittadinanza come luogo di lotta

Il prossimo venerdì 29 marzo 2019 dalle ore 18:30 alle 20:30 il nostro Leonardo De Franceschi (...)

lunedì 18 marzo 2019

Io sono Rosa Parks alla Feltrinelli

Sono tutti Rosa Parks i 12 ragazzi e ragazze di #ItalianiSenzaCittadinanza protagonisti di Io (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha