title_magazine

Big Game - Caccia al presidente

di Jalmari Helander

Il presidente e il cacciatore

L’Air Force One, il più famoso tra gli aerei nei film d’oltreoceano, ha a bordo il Presidente degli Stati Uniti (Samuel L. Jackson), atteso ad un Vertice G8 ad Helsinki. Sulle montagne scandinave lo attende un gruppo di terroristi, capeggiati dallo psicopatico Hazar, che abbatte l’aereo e i caccia di scorta con missili terra-aria. Il Presidente viene fatto evacuare d’urgenza con una capsula di salvataggio e alla fine si ritrova nel buio del boschi finlandesi. Qui incontra Oskaki, un bambino-cacciatore che sta partecipando alla sua prima battuta di caccia per diventare un uomo. Alla fine invece, armato soltanto di arco e frecce, deve difendere Bill, così si fa chiamare il Presidente, da una spietata caccia all’uomo.

Il ruolo di Presidente Usa mancava alla lunghissima gamma di personaggi interpretati dall’attore afroamericano che ha avuto modo di lavorare con parecchi registi cult: Spike Lee, Tarantino, Scorsese, Spielberg. Buona come al solito la sua interpretazione: un uomo stanco e abbastanza appesantito dai “doveri” istituzionali, certamente ben lontana dal sicario/predicatore (Pulp Fiction, 1994) o dal tossicodipendente (Jungle Fever, 1991). Sono tanti i “grandi” attori che si sono calati nei panni dell’uomo più potente e famoso del pianeta: da Jack Nicholson (Mars Attacks, 1996) a Kevin Kline (Dave, Presidente per un giorno, 1993), da Morgan Freeman (Deep Impact, 1998) a Michael Douglas (Il Presidente, una storia d’amore, 1995). E sull’aereo presidenziale era salito anche John Travolta (Air Force One, 1997).

Trama abbastanza scontata: la mega-sicurezza degli Stati Uniti viene messa sotto scacco da un gruppo di terroristi che si avvale anche del tradimento della guardia del corpo personale del Presidente: “…tutti si possono comprare per soldi, sesso o religione…”; dopo l’atterraggio di fortuna c’è l’incontro con il “padrone della foresta”, il giovane Oskaki (Onni Tommila), sedicenne attore finlandese che divide le origini e anche le partecipazioni cinematografiche con il regista Jalmari Helander (Trasporto eccezionale/Un racconto di natale, 2010).

Curiosità: la combinazione numerica per aprire la cellula di sicurezza scaraventata via dal’aereo con a bordo il Presidente, corrisponde alla data della scoperta del continente americano (1492)… Naturalmente bella (perdonate il gioco di parole...) la fredda natura che accompagna i due protagonisti: scenari di foreste fittissime e laghi inesplorati dove dovrebbero aggirarsi orsi e cervi in cattività, ma che invece per un’ora e mezza sono popolate soltanto da elicotteri, aerei in caduta ed esplosioni.
Film da divano/domenica pomeriggio.

Giorgio Sgarbi

Cast & CreditsBig Game - Caccia al Presidente
Regia: Jalmari Helander; sceneggiatura: Jalmari Helander, Petri Jokiranta; fotografia: Mira Orasmaa; musiche: Juri Seppa, Miska Seppa; montaggio: Iika Hesse; interpreti: Samuel L. Jackson, Onni Tommila, Felicity Huffman, Victor Garber, Ted Levine, Jim Broadbent, Ray Stevenson; origine: Finlandia/GB/Germania, 2015; formato: DCP, colore (1:2,35); durata: 90’; produzione: Altitude Film; distribuzione: Eagle Pictures; sito italiano: big-game-film.it

Versione stampabile: Enregistrer au format PDF
fine_sezione
title_news
giovedì 21 marzo 2019

Rappresentare le migrazioni oggi

Lunedì 25 marzo, alle ore 17.30, in via della Dogana Vecchia 5 (Roma) si svolgerà la serata (...)

giovedì 21 marzo 2019

Fescaaal 2019: apre Fiore gemello

La cerimonia di apertura del 29° Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina (FESCAAAL) (...)

lunedì 18 marzo 2019

La cittadinanza come luogo di lotta

Il prossimo venerdì 29 marzo 2019 dalle ore 18:30 alle 20:30 il nostro Leonardo De Franceschi (...)

lunedì 18 marzo 2019

Io sono Rosa Parks alla Feltrinelli

Sono tutti Rosa Parks i 12 ragazzi e ragazze di #ItalianiSenzaCittadinanza protagonisti di Io (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha