title_magazine

JCC 27. Le Journées festeggiano 50 anni

di Leonardo De Franceschi

Al via l'edizione del cinquantenario per le Journées Cinématographiques de Carthage (28.10-5.11.2016)

È iniziata il 28 ottobre l’edizione numero 27 delle Journées Cinématographiques de Carthage, il più antico e prestigioso festival in terra d’Africa, fondato nel lontano 1966, a dieci anni dall’indipendenza. L’edizione del cinquantenario, diretta dal regista e produttore Ibrahim Letaief, è stata inaugurata con la proiezione di Fleur d’Alep del decano Ridha Behi (La Boite magique), dramma d’azione sul tentativo disperato di una madre (Hend Sabri, da Les Silences du Palais) di recuperare il figlio adolescente, partito in Siria per combattere a fianco degli islamisti. Nel ricco cast, nomi importanti del cinema tunisino come Hichem Rostom (Les Sabots en Or) e Mohamed Ali Ben Jamaa (Junun).

Nella competizione ufficiale, si disputeranno i Tanit 18 titoli dall’Africa e dai paesi arabi, fra documentario e finzione: tra questi alcuni titoli già acclamati a Cannes (Eshtebak di Mohamed Diab, Hissein Habré, une tragédie tchadienne di Mahamat Saleh Haroun, Divines di Houda Benyamina e Chouf di Karim Dridi) e a Berlino ((La Révolution ne sera pas télévisée della senegalese Rama Thiaw), con nuove proposte anche dal Sudafrica (Action Kommandant di Nadine Cloete), Senegal (Bois d’ebène di Moussa Touré), Egitto (Les Pechés de la chair di Khaled El Hagar), Marocco (Affame ton chien di Hicham Lasri), Burkina Faso (Thom di Tahirou Tasseré Ouedraogo). Hedi di Mohamed Ben Attia e The Last of Us di Alaa Eddine Slim, già apprezzati a Berlino e a Venezia, sono invece in lizza fra i 13 lungometraggi della sezione opere prime, insieme a titoli provenienti da tutto lo scacchiere africano, in particolare Mozambico, Egitto, Marocco, Uganda, Algeria, a riprova di una certa vivacità sul piano della produzione e di una pronunciata attenzione del comitato selezionatore, anche se spiccano l’assenza di Yousry Nasrallah, col suo ultimo Brooks, Meadows and Lovely Faces presentato a Locarno e a breve riproposto dal Medfilm Festival e di Rachid Benhadj (L’Etoile d’Alger).

Il programma è ricchissimo di sezioni e proposte, con una panorama del cinema tunisino, una selezione di successi dai maggiori festival internazionali, un focus su cinema asiatico e uno sul cinema russo, una retrospettiva sul cinema diretto (Rouch, Van der Keuken, Depardon, Wiseman, Perrault…) e una serie di omaggi a cineasti di punta del continente, da Idrissa Ouedraogo a Youssef Chahine, e non solo. Di rilievo anche la sezione riservata ai professionisti, il cui fulcro è rappresentato dall’Atelier Takmil, che anche quest’anno darà la possibilità a otto progetti di essere premiati con un fondo di postproduzione: negli scorsi anni, dal Takmil sono passati progetti di film accolti quest’anno in programmazione, come Divines, Hedi, Zeineb n’aime pas la neige e Action Kommandant.

Di pressante urgenza il convegno internazionale in programma il 29 e 30 ottobre al Palais des Congres, dedicato al tema della memoria cinematografica della Tunisia, sulla cui grave crisi, dovuta alla caotica gestione del patrimonio da parte del Ministero della cultura, si è speso con diversi interventi l’organizzatore, critico e documentarista Mohamed Challouf, anche quest’anno nel team delle Journées.

Versione stampabile: Enregistrer au format PDF
fine_sezione
title_news
venerdì 31 maggio 2019

Riapre la Biblioteca IsIAO

Grazie alla collaborazione tra la Biblioteca Nazionale Centrale di Roma e l’Associazione (...)

martedì 9 aprile 2019

Minervini in sala a maggio

CHE FARE QUANDO IL MONDO È IN FIAMME? (What You Gonna Do When the World’s on Fire?) il film (...)

lunedì 1 aprile 2019

Il Rwanda alla Casa delle Donne

RWANDA, IL PAESE DELLE DONNE è il documentario di Sabrina Varani che sarà proiettato lunedì 8 (...)

venerdì 29 marzo 2019

FESCAAAL 2019: Tezeta Abraham madrina

Il prossimo sabato 30 marzo alle ore 10.00 presso l’Auditorium San Fedele di Milano si terrà la (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha