title_magazine

L'Orchestra di Piazza Vittorio

di Agostino Ferrente

Alla scoperta della musica “italiana”

È nel cuore del quartiere Esquilino, a Roma, che prende forma l’idea di creare un’orchestra composta da musicisti provenienti da diversi paesi del mondo ma residenti, per la maggior parte, nella capitale: l’Orchestra di Piazza Vittorio si è formata negli anni grazie alla tenacia di Mario Tronco, tastierista degli Avion Travel, e del regista Agostino Ferrente. E proprio L’Orchestra di Piazza Vittorio (2006) si intitola il documentario dello stesso Ferrente, testimonianza delle lunghe e alternate fasi di sviluppo della band. Regista e musicista si aggirano inizialmente sulla loro vespa tra le strade del quartiere Esquilino e a piedi, con la camera a spalla, per tentare di conoscere e “reclutare” musicisti stranieri disposti a prendere parte al loro progetto. Nonostante le mille difficoltà dovute a problemi burocratici, a permessi di soggiorno non concessi agli stranieri residenti all’estero, alle necessarie fasi di assestamento di un amalgama di artisti provenienti da culture differenti, l’orchestra riesce a trovare alla fine una sua ragion d’essere e ad esibirsi a Roma per la prima volta nell’ottobre del 2003.

Mentre prende forma il progetto musicale, si viene travolti anche dalle storie, a volte particolarmente tragiche, dei singoli individui che lo animano: la malinconia del cantante ecuadoregno che soffre per amore, la relazione e il figlio nato dall’incontro tra un’italiana e un percussionista senegalese, la raggiante presenza di alcuni artisti indiani, la dolce follia del cantante tunisino (perennemente con gli occhiali da sole), il serafico violinista newyorkese e tanti altri ancora.

Attorno al gruppo, e come sostegno, si crea nel frattempo il comitato Apollo 11, formato da artisti di vari settori, intellettuali, ma anche da comuni abitanti del quartiere Esquilino. Insieme si battono per la difesa di un’idea che contempla non solo la formazione del gruppo musicale, ma anche la salvaguardia di una vecchia sala di teatro del quartiere, l’Apollo 11, appunto, destinata a diventare una sala per il bingo.

L’Orchestra di Piazza Vittorio è anche un interessante viaggio alla scoperta delle molteplici realtà che convivono nella città di Roma, spesso dimenticate o messe in secondo piano da altri episodi che riguardano gli immigrati. Nelle scene di questo poetico musical si respira invece la vitalità del quartiere Esquilino, la confusione delle sue strade e gli odori del mercato rionale. Un documentario musicale che parla non solo di arte ma anche di un fortunato incontro.

Vanessa Lanari

Vai agli altri articoli sul 12. MedFilm Festival

Cast & Credits L’Orchestra di Piazza Vittorio
Regia e sceneggiatura: Agostino Ferrente; fotografia e riprese: Greta De Lazzaris, Alberto Fasulo, Simone Pierini, Giovanni Piperno, Sabrina Varani; suono: Pierre Yves Lavoué, François Waledisch; montaggio: Desideria Rayner, Jacopo Quadri; musica: l’Orchestra di Piazza Vittorio, diretta da Mario Tronco; interpreti: Mario Tronco, Agostino Ferrente, Dina Capozio, Mohammed Bilal, Houcine Ataa, Carlos Paz, Rahis Bharti, Ziad Trabelsi, Omar Lopez Valle, Pap Yeri Samb, Raul Schebba, John Maida, Pino Pecorelli, Peppe D’Argenzio, Marian Serban, Abdel Majid Karam, Amrit Hussain; origine: Italia, 2006; durata: 90’; produzione: Lucky Red, Pirata M.C., Bianca Film; distribuzione: Lucky Red; sito: www.orchestradipiazzavittorio.it

Versione stampabile: Enregistrer au format PDF
fine_sezione
title_news
giovedì 21 marzo 2019

Rappresentare le migrazioni oggi

Lunedì 25 marzo, alle ore 17.30, in via della Dogana Vecchia 5 (Roma) si svolgerà la serata (...)

giovedì 21 marzo 2019

Fescaaal 2019: apre Fiore gemello

La cerimonia di apertura del 29° Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina (FESCAAAL) (...)

lunedì 18 marzo 2019

La cittadinanza come luogo di lotta

Il prossimo venerdì 29 marzo 2019 dalle ore 18:30 alle 20:30 il nostro Leonardo De Franceschi (...)

lunedì 18 marzo 2019

Io sono Rosa Parks alla Feltrinelli

Sono tutti Rosa Parks i 12 ragazzi e ragazze di #ItalianiSenzaCittadinanza protagonisti di Io (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha