Panafricana Newsletter #4

PANAFRICANA NEWSLETTER # 4
Ottobre 2006
a cura di Maria Coletti

SOMMARIO

Eventi ed iniziative di Panafricana/Yeelen
Yeelen si triplica! Presto on line 2 siti e 1 portale dedicati al cinema africano

Notizie – Cinema
Unidea Unicredit a sostegno del cinema africano
Forest Whitaker nei panni del dittatore dell’Uganda
Il pane nudo di Rachid Benhadj all’Accademia d’Egitto
Tankafatra in concorso al Premio Internazionale di Video Giornalismo di Berlino
Lezioni di storia 1. In Francia un film e una legge sugli “indigeni”
In arrivo un film italo-keniota in tre lingue
Si è chiuso il FIFF di Namur

Notizie – Cultura
Nasce Afro: la nuova agenzia di stampa africana
Lezioni di storia 2. A Procida il progetto inedito di Rossellini sull’Islam
Lezioni di storia 3. L’eredità fascista trasmesso su Sky
Rappresentare l’Africa: riviste a confronto

Notizie – Società
Rinnovo dei consiglieri aggiunti al Comune di Roma
Ai mondiali di ciclismo il debutto del Burkina Faso
Lezioni di storia 4. A Parigi nasce il Museo dell’Immigrazione
In Marocco nominata la prima donna governatore

Festival in arrivo
Cinema. Festa Internazionale di Roma, 13-21 ottobre
Sole e Luna Doc Fest, Palermo, 26 ottobre-1° novembre
Festival du Film Arabe de Fameck, 11-22 ottobre
CinemAfrica Film Festival, Stoccolma, 18-25 ottobre
Cinéma Mediterranéen de Montpellier, 28 ottobre-5 novembre

NOTIZIE

Eventi ed iniziative di Panafricana / Yeelen

Yeelen si triplica! Presto on line 2 siti e 1 portale dedicati al cinema africano
Stiamo lavorando per voi: per mantenere fede alla promessa di avviare, oltre al festival, una rete di attività permanenti per la conoscenza, la promozione e la diffusione del cinema africano in Italia, saranno attivi fra pochi giorni tre siti (nuovissimi o rinnovati) dedicati alle tre diverse aree su cui si concentra la nostra instancabile passione.
Sta per cominciare una nuova era per gli appassionati e gli studiosi di cinema africano, grazie al primo portale/rivista di cinema africano in Italia. Sul sito di Cinemafrica (www.cinemafrica.org) potrete trovare: il nostro Magazine con articoli, recensioni e interviste; le News e l’archivio Newsletter; i film in uscita (sala e homevideo) e una lista amplissima di Directories attraverso cui navigare e fare ricerche su siti, database, festival, riviste, scuole, organismi e produzioni/distribuzioni in Italia e all’estero.
Il sito dell’Associazione Culturale Yeelen. Sul sito di Yeelen (www.yeelen.it) troverete le informazioni sulla nostra associazione e sulle modalità per associarsi e/o sostenere le nostre attività. Inoltre avrete modo di conoscere in maniera dettagliata i nostri progetti principali, cui vi invitiamo fin da ora a partecipare: oltre al portale (Cinemafrica) e al festival (Panafricana), sono in corso altri due importantissimi progetti. Il Progetto Scuole, dedicato a percorsi didattici di cinema africano e intercultura nelle scuole dell’obbligo, e il progetto MediatecAfrica, per la creazione di un centro polifunzionale in cui sia possibile consultare materiale audiovisivo e cartaceo dedicato al cinema africano e sull’Africa.
Infine, il sito del festival Panafricana. Le mille Afriche del cinema a Roma. Sul sito di Panafricana (www.panafricana.it), completamente rinnovato nella versione di mantenimento, potrete trovare l’archivio del festival e gli aggiornamenti costanti fino alla prossima edizione (1-9 aprile 2007), per restare sempre in contatto in questo lungo anno che ci separa.
Naturalmente tutte queste attività significano un impegno non indifferente per tutto lo staff di Yeelen e per il nostro web designer (www.humpty-dumpty.it): nella prossima Newsletter – Speciale Festa di Roma vi inviteremo alla presentazione ufficiale dei siti e vi daremo informazioni ancora più dettagliate sui nostri progetti, perché possiate sostenerci e aiutarci nella promozione delle nostre attività.

Cinema

Unidea Unicredit a sostegno del cinema africano
Dopo aver finanziato la produzione del film Delwende, lève-toi et marche di S. Pierre Yaméogo, vincitore del Prix de l’Espoir al Festival di Cannes 2005, Unidea Unicredit Foundation partecipa alla Festa di Roma per continuare a sostenere i nuovi talenti africani e il cinema africano come momento essenziale nella formazione di un’auto-coscienza culturale e nella crescita della società civile. Grazie al premio promosso dalla Fondazione, tre progetti di altrettanti registi africani, selezionati dalla Festa nell’ambito della sezione New Cinema Network, riceveranno un contributo per realizzare i loro film. La cerimonia di premiazione si terrà il 19 ottobre all’Auditorium.
Sito: www.unicreditfoundation.org

Forest Whitaker nei panni del dittatore dell’Uganda
Il grande attore e regista afroamericano Forest Whitaker interpreta il dittatore ugandese Idi Amin (1971-1979) nel film di Kevin MacDonald The Last King of Scotland, presentato in anteprima mondiale all’ultimo Toronto Film Festival, e in distribuzione sugli schermi italiani a febbraio. Tratto dal romanzo di Giles Foden, il film alterna la fiction alla verità storica e documentaristica, permettendo a Whitaker di scendere nel cuore di tenebra di un uomo sedotto dal potere affermandosi, già a detta di molti critici americani, tra i probabili candidati al prossimo Oscar. Come Whitaker ha dichiarato alla stampa: “Per questo film sono andato per la prima volta nella mia vita in Africa, un viaggio importantissimo per me che discendo da una famiglia le cui radici erano in Nigeria. Non mi stupisce che oggi Hollywood produca tante pellicole ambientate in Africa: è il continente che fa da sfondo e catalizza tanti, se non tutti, i problemi e gli squilibri sociali del mondo di oggi”.
Sito: www.foxsearchlight.com/thelastkingofscotland

Il pane nudo di Rachid Benhadj all’Accademia d’Egitto
Sarà presentato giovedì 12 ottobre all’Accademia d’Egitto l’ultimo film del regista algerino Rachid Benhadj, Il pane nudo (2005). Presentato in molti festival internazionali (Montreal, Casablanca, Il Cairo, Mumbai) e vincitore del Premio del Pubblico al Festival du Cinéma Méditerranéen de Montpellier, il film - dal 7 novembre distribuito in homevideo - è tratto dal romanzo omonimo dello scrittore marocchino Mohamed Choukri. Rachid Benhadj è nato ad Algeri nel 1949, ma vive a Roma ed è cittadino italiano. Tra i suoi film più noti: Louss, rose de sable (1989), Touchia (1993), L’albero dei destini sospesi (1997), Mirka (1999).

Tankafatra in concorso al Premio Internazionale di Video Giornalismo di Berlino
Il documentario Tankafatra, del regista del Madagascar Hery A. Rasolo, continua il suo viaggio nei festival internazionali, iniziato con Panafricana: dopo il festival canadese Vues d’Afrique, il documentario è ora selezionato alla terza edizione dell’International Video Journalisme Award di Berlino (27-29 ottobre, Kino Babylon). Parallelamente al festival, i film selezionati sono visionabili su internet, dove sarà premiato il film più visitato e che riceverà più critiche positive.
Per vedere, commentare e votare Tankafatra bisogna andare sul sito www.videomission.com ed entrare nella sezione “Independent Films”.
Per informazioni sul festival: www.videoreporter.org

Lezioni di storia 1. In Francia un film e una legge sugli “indigeni”
Finalmente esce in sala in Francia, dopo la presentazione in anteprima a Cannes, il film Indigènes di Rachid Bouchareb. Un progetto difficile, realizzato anche grazie all’impegno dei quattro attori di origine maghrebina protagonisti del film e premiati con la Palma d’Oro per la migliore interpretazione maschile: Jamel Debbouze, Roschdy Zem, Samy Naceri e Sami Bouajila. In particolare, Jamel Debbouze è anche coproduttore della pellicola.
Il film racconta dei soldati africani delle ex colonie francesi che hanno combattuto per la liberazione della Francia nel 1944-45. Subito dopo l’uscita in sala di Indigènes e la petizione sulle pensioni di guerra lanciata sul sito ufficiale del film, Jacques Chirac ha annunciato che le pensioni di guerra pagate a questi veterani saranno finalmente equiparate a quelle versate ai loro colleghi francesi, dopo una controversia durata decenni.
Nel 1959, infatti, il generale De Gaulle “congelò” le pensioni pagate ai soldati d’oltremare, diventati con la fine dell’impero coloniale francese cittadini stranieri. Questa “cristallizzazione” ha fatto sì che fino ad oggi i veterani delle ex colonie sopravvissuti non prendono più del 30% della pensione versata ai veterani francesi. Dei circa 80.000 veterani ancora in vita, 40.000 vivono in Algeria e Marocco, mentre 15.000 nell’Africa sub-sahariana, soprattutto in Senegal e Ciad. Nel 1944, la metà dei 550.000 soldati dell’esercito francese veniva dall’oltremare: 134.000 algerini, 73.000 marocchini, 26.000 tunisini e 92.000 dell’Africa sub-sahariana.
Sito: www.indigenes-lefilm.com

In arrivo un film italo-keniota in tre lingue
Si intitola Kima (“scimmia” in swahili) il film diretto da Fulvio Paganin e realizzato in collaborazione con APENDE che sta finanziando la gestione e l’ampliamento dell’ospedale di Kyeni, in Kenya. Il film, di cui sono protagoniste due bambine (una italiana e una keniota), è recitato in tre lingue: italiano, swahili e inglese. La bimba keniota e quella italiana, interpretate dalle piccole Wambui Nyokabi e Martina Quaglia, si ritroveranno compagne di stanza in ospedale, ricoverate per lo stesso intervento.

Si è chiuso il FIFF di Namur
Si è chiusa ieri sera, con la cerimonia di consegna dei premi, la 21ma edizione del Festival International du Film Francophone di Namur, in Belgio. Tra i premiati, anche due film girati in Africa. Il Bayard d’Or per il migliore documentario è andato infatti al film Rwanda, les collines parlent di Bernard Bellefroid (Belgio), sui processi popolari a più di dieci anni dal genocidio ruandese. Due premi collaterali (il Prix Ciné & FX e il Prix Kodak per la migliore fotografia) sono stati invece assegnati all’opera prima di Laurent Salgues, Rêves de poussière (Burkina Faso/Canada/Francia), un punto di vista diverso sull’immigrazione interna africana, nelle miniere d’oro del Burkina Faso.
Sito: www.fiff.be

Cultura

Nasce Afro: la nuova agenzia di stampa africana
Promossa dal Comune di Roma, sostenuta dalla società editoriale Vita e da Unicredit, “Afro” intende dare all’Africa un’eco più forte nel nostro paese. Agenzia di stampa interamente dedicata alle notizie dal - e sul - continente africano, i suoi obiettivi saranno favorire lo sviluppo delle relazioni tra Italia e Africa e diffondere, grazie ad un’informazione qualificata, una migliore conoscenza delle condizioni sociali e culturali del continente. L’agenzia utilizzerà circa 8-10 redattori, per metà africani, che lavoreranno con base a Roma, più una quarantina di corrispondenti dai diversi paesi dell’Africa. La sede sarà messa a disposizione dal Comune. L’agenzia “Afro” comincerà a funzionare nella prossima primavera, in concomitanza con l’edizione 2007 della giornata di Italia-Africa.
Sito: www.comune.roma.it

Lezioni di storia 2. A Procida il progetto inedito di Rossellini sull’Islam
Al Festival di Procida “Il vento del cinema” conclusosi il 25 settembre, un programma è stato dedicato a Roberto Rossellini e al suo progetto, mai realizzato, di una serie televisiva dedicata alla storia della cultura islamica: una storia del pensiero dell’Islam, illustrato secondo il metodo didattico che Rossellini aveva già sperimentato per i suoi film televisivi come Socrate, Pascal e La presa del potere di Luigi XIV.
Particolarmente interessanti alcuni passaggi dei suoi scritti: “Ora che il mondo è ancora più lacerato da nuove incomprensioni e da inusitati risentimenti, diventa urgente fare qualcosa di utile. Una nuova frattura assai profonda si è creata tra il mondo occidentale, orgoglioso del suo preteso pragmatismo, e il mondo musulmano che, finalmente risvegliato, ha il coraggio di rivalersi. E’ solamente un contrasto di interessi? No, il problema è più ampio, molto più ampio. […] Ora, noi in Occidente, per colpa della struttura della nostra educazione, ma anche per presunzione e per sciovinismo, non conosciamo affatto il mondo musulmano. Non sappiamo quanto ha contato per la nostra stessa cultura; non sappiamo quanto è stato fondamentale anche per lo sviluppo della scienza e della tecnica di cui siamo tanto orgogliosi. Potrà succedere qualunque cosa. Ma per odiarci bene o per distruggerci bene oppure per sopportarci bene o per collaborare bene, dovremo comunque conoscerci bene”.

Lezioni di storia 3. L’eredità fascista trasmesso su Sky
“L’Europa è stata un elemento di civilizzazione e non tutte le pagine del colonialismo sono negative: se pensiamo a come sono ridotte oggi l’Etiopia, la Somalia e la Libia e a come stavano sotto l’Italia, credo che ci debba essere una rivalutazione del ruolo italiano in quei paesi”: queste le parole pronunciate dal leader di Alleanza Nazionale, Gianfranco Fini, in un lungo intervento sull’immigrazione ad un convegno del partito. Parole che hanno suscitato indignazione in Italia e nelle ex colonie. La Libia, in particolare, attraverso l’ufficio popolare della Jamahiriya libica a Roma, ha preteso scuse e invitato l’ex vicepremier a visitare il Paese: “Vogliamo che Gianfranco Fini si ricordi che il colonialismo italiano ha ammazzato migliaia di libici e ne ha deportarti altre migliaia e che delle poche infrastrutture costruite all’epoca i cittadini libici non ne hanno mai usufruito perché erano destinate esclusivamente alla comunità italiana”. _ In questo clima di evidente mancanza di memoria storica e di rimozione della pagine più buie del nostro passato coloniale (uso di armi chimiche, deportazioni, massacri contro i civili e stupri impuniti) è giunta come un balsamo per la memoria la trasmissione in due puntate (22 e 24 settembre su Sky - History Channel) della versione integrale del “famigerato” documentario BBC Fascist Legacy – L’eredità fascista realizzato nel 1989 da Ken Kirby e censurato in Italia, trasmesso solo in parte nel 1994 su La 7: la storia delle atrocità commesse dall’esercito italiano in Libia, Etiopia, Francia, Grecia, Albania e Jugoslavia, per le quali nessuno è mai stato incriminato.

Rappresentare l’Africa: riviste a confronto
Si terrà alla Casa della Cultura di Milano (Via Borgogna 3 – Metro S. Babila) sabato 21 ottobre una giornata dedicata ad una riflessione sulle culture africane e la loro rappresentazione nelle riviste africane e italiane. Dopo l’attenzione dedicata, nel 2005, alla scrittura (“Scrivere l’Africa”), con l’edizione 2006 “Rappresentare l’Africa” la giornata sarà dedicata non solo all’espressione letteraria, ma anche alle arti figurative, al teatro e alla moda. Un’attenzione particolare verrà data - in alcuni interventi e incontri specifici - alla rivista sudafricana “Drum”, al numero speciale sull’Africa della rivista “Leggendaria” e a due riviste italiane da tempo dedicate esclusivamente alle culture africane: “Africa e Mediterraneo” e “Afriche e Orienti” (di cui è uscito da poco lo speciale 2006 dedicato a “Occidente e Africa. Democrazia e nazionalismo dalla prima alla seconda transizione” a cura di Mario Zamponi).
Sito: www.casadellacultura.it

Società

Rinnovo dei consiglieri aggiunti al Comune di Roma
Seconda tornata elettorale per i consiglieri aggiunti. Dopo il primo voto dei cittadini extracomunitari di Roma, che il 28 marzo 2004 hanno eletto i propri rappresentanti nel Consiglio Comunale, il 10 dicembre 2006 si torna alle urne per scegliere i nuovi consiglieri. Potranno votare sia i residenti a Roma che le persone che vivono nella capitale per motivi di lavoro o di studio, senza avere qui la residenza. Per esercitare il diritto di voto, si deve essere iscritti nella lista elettorale degli stranieri extracomunitari: i residenti sono iscritti automaticamente nella lista; i non residenti hanno tempo fino al 26 di ottobre per chiedere l’iscrizione nella lista elettorale, negli uffici del Municipio in cui si trova l’indirizzo indicato nel proprio permesso di soggiorno.
Sito: www.comune.roma.it

Ai mondiali di ciclismo il debutto del Burkina Faso
Jeremie Ouédraogo, Saidou Rouamba e Abdul Sawadogo rappresentano ai mondiali di ciclismo per la prima volta il Burkina Faso, il “paese degli uomini integri”: un paese di tredici milioni di abitanti dove la bicicletta è il principale mezzo di trasporto. Nelle città si trasforma spesso in taxi (Taxi-vélo), con il sellino colorato a disposizione del viaggiatore, mentre in campagna viene utilizzato anche per trasportare sacchi di riso, mais e animali. Il Burkina Faso è il quinto paese più povero del mondo, secondo le statistiche sul reddito pro-capite, e i corridori hanno a disposizione generalmente materiale usurato, e spesso bici recuperate da squadre europee all’ultimo giro del Burkina Faso. Jeremie Ouédraogo, 33 anni e una lontana parentela con il regista Idrissa Ouédraogo, è stato due volte campione africano e ha vinto un’ottantina di gare nella sua carriera. Ora si sta preparando al Tour de Faso, il giro del Burkina, l’evento ciclistico del continente, che si disputerà su 12 tappe dal 25 ottobre al 5 novembre. Malgrado l’asfalto ricopra solo 2.000 chilometri di strade su 12.000, la gara vede ormai una partecipazione di atleti da tutto il mondo.

Lezioni di storia 4. A Parigi nasce il Museo dell’Immigrazione
Il Museo dell’Immigrazione, una nuova struttura presieduta dall’ex ministro Jacques Toubon, aprirà a Parigi nell’aprile del 2007. La sede sarà il frutto della ristrutturazione del palazzo costruito alla Porte Dorée per l’Esposizione Universale del 1931, poi diventato Museo delle Colonie e, infine, ribattezzato, nel 1960, in seguito alla decolonizzazione, Museo delle Arti Africane e Oceaniche (le cui collezioni sono ormai al Quai Branly). Il nuovo Museo traccerà la storia delle diverse ondate di immigrazione che la Francia ha vissuto dall’inizio del XIX secolo: belgi, italiani, polacchi, ebrei dell’est, russi bianchi, armeni, spagnoli, portoghesi, fino ai maghrebini, africani e asiatici degli ultimi decenni.

In Marocco nominata la prima donna governatore
Storica decisione del sovrano marocchino, re Mohammed VI. Per la prima volta nella storia del Marocco, infatti, una donna è stata nominata governatore: si chiama Fawzia Imansar e, dopo alcuni incarichi pubblici di rilievo, rivestirà il ruolo di governatore della prefettura della regione di Ain Chock.

Festival in arrivo

Cinema. Festa Internazionale di Roma, 13-21 ottobre
Non ha certo bisogno di presentazioni il nuovissimo festival di Roma, con il suo ricchissimo programma ben assortito tra momenti nazionalpopolari e luoghi di sperimentazione, tra omaggi, kermesse, retrospettive, anteprime e nuovo cinema. Sito: www.romacinemafest.org
Noi vi proponiamo il nostro “filo di Arianna”, per orientarvi nel labirinto cinematografico della festa e soprattutto per non perdervi le proiezioni dedicate al cinema africano o sull’Africa:
sabato 14 ottobre:
Auditorium Petrassi, ore 19.30, Le Dernier Caravansérail di Ariane Mnouchkine e il Théâtre du Soleil (Francia, 268’)
domenica 15 ottobre:
Auditorium Teatro Studio, ore 14.30, Black Gold di Marc e Nick Francis (GB, 78’)
Auditorium Teatro Studio, ore 20.30, Programma FOX, Cidade dos homens (Brasile, 50’)
lunedì 16 ottobre:
Auditorium Petrassi, ore 23, Herbie Hancock: Possibilities di Doug Biro e Jon Fine (Usa, 90’)
martedì 17 ottobre:
Auditorium Sinopoli, ore 10, Azur et Asmar di Michel Ocelot (Francia, animazione, 95’)
Auditorium Sinopoli, ore 22.30, Mon colonel di Laurent Herbiet (Francia/Belgio, 110’)
mercoledì 18 ottobre:
Auditorium Sinopoli, ore 10, Akeelah and the Bee di Doug Atchinson (Usa, 112’)
Auditorium Teatro Studio, ore 14.30, Ritorni di Giovanna Taviani (Italia/Francia, 52’)
giovedì 19 ottobre:
Auditorium Petrassi, ore 18, Kinshasa Palace di Zeka Laplaine (Rep. Congo/Francia, 75’)
venerdì 20 ottobre:
Auditorium Teatro Studio, ore 14.30, Muoiono soltanto gli… di M. Ferrandino e G. Veronesi (Italia, 40’)
Metropolitan 4, ore 21.30, Omaret Yacubian (Yacoubian Builduing) di Marwan Hamed (Egitto, 172’)

Sole e Luna Doc Fest, Palermo, 26 ottobre-1° novembre
Si terrà a Palermo la prima edizione di “Sole e Luna Doc Festival”, rassegna internazionale di documentari sul Mediterraneo e sull’Islam. Collegata al Doc Fest, di cui è presidente Carlo Fuscagni, il festival sarà diretto da Rubino Rubini e Lucia Gotti Venturato. Al festival parteciperanno più di trenta nazioni, mentre tutti i film selezionati andranno a costituire un nascente archivio, con l’intento di diventare un punto di riferimento per studenti e studiosi.
Sito: www.soleelunadocfest.com

Festival du Film Arabe de Fameck, 11-22 ottobre
17ma edizione
Sito: www.cinemarabe.org

CinemAfrica Film Festival, Stoccolma, 18-25 ottobre
10ma edizione
Sito: www.cinemafrica.se

Cinéma Méditerranéen de Montpellier, 28 ottobre-5 novembre
28ma edizione
Sito: www.cinemed.tm.fr

Enregistrer au format PDF

fine_sezione
title_news
venerdì 31 maggio 2019

Riapre la Biblioteca IsIAO

Grazie alla collaborazione tra la Biblioteca Nazionale Centrale di Roma e l’Associazione (...)

martedì 9 aprile 2019

Minervini in sala a maggio

CHE FARE QUANDO IL MONDO È IN FIAMME? (What You Gonna Do When the World’s on Fire?) il film (...)

lunedì 1 aprile 2019

Il Rwanda alla Casa delle Donne

RWANDA, IL PAESE DELLE DONNE è il documentario di Sabrina Varani che sarà proiettato lunedì 8 (...)

venerdì 29 marzo 2019

FESCAAAL 2019: Tezeta Abraham madrina

Il prossimo sabato 30 marzo alle ore 10.00 presso l’Auditorium San Fedele di Milano si terrà la (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha