title_magazine

Cidade dos homens (City of Men)

di Paulo Morelli

Alla ricerca del padre

In programma nella Berlinale 2008, ci si poteva forse attendere una collocazione migliore della sezione Generation 14plus per questo Cidade dos homens (City of Men), spin off al quadrato dell’omonima serie tv, trasmessa anche in Italia da Cult e presentata alla prima Festa Internazionale di Roma, visto il successo mondiale tributato a Cidade de deus (City of Men), primo episodio della saga di Acerola e Laranjinha, che a sua volta faceva seguito al corto Palace II. Ma è pur vero che il film era già stato presentato al London Film Festival e, soprattutto, questa volta dietro la mdp non c’è la mano febbrile ed espressionista di Fernando Meirelles, qui solo in veste di produttore, ma l’occhio molto più controllato di Paulo Morelli, già cosceneggiatore della serie tv e regista di tre episodi. E si sente.

Nella ormai nota favela di Morro de Sinuca, teatro di una continua guerra tra gang per il controllo del traffico di droga, Acerola (Douglas Silver) e Wallace detto Laranjinha (Darlan Cunha) cercano anzitutto di sopravvivere, difendendo la loro amicizia di lunga data. Stanno per diventare maggiorenni, e questo risveglia in loro insoddisfazioni e frustrazioni legate alla loro esperienza di figli e padri. Se Ace, padre da pochi mesi del piccolo Clayton, e impiegato come guardiano in un comprensorio, sente la nuova responsabilità come un peso eccessivo per l’età, Wallace non perde occasione per provocarlo, ricordandogli che ogni rischio corso minaccia di dare a Clayton la stessa sorte che hanno avuto loro due, quella di senza padre.

Così, mentre Wallace prende il coraggio a due mani, parte alla ricerca del padre naturale e, scoperto trattarsi di Heraldo, un galeotto che ha scontato una pena per rapina e omicidio, cerca comunque di conquistarlo, Ace è costretto suo malgrado a fare un viaggio indietro nel tempo, per scoprire chi ha ucciso molti anni prima suo padre, carismatico boss di Morro de Sinuca. Due percorsi tragicamente destinati a incontrarsi e a mettere in discussione la loro amicizia, mentre la collina esplode in una guerra senza esclusione di colpi che tocca da vicino i due protagonisti, costringendoli alla fine a cercar fortuna fuori dalla città di Dio.

Costruito su un plot assai classico, giocato su un crosscutting continuo tra le vicende dei due compagni d’infanzia, Cidade dos homens deve in questo caso il suo pregio maggiore all’attenzione riservata alle psicologie e all’attento trattamento del registro naturalistico, oltre che alla consueta, mirabile direzione d’attori. Assai meno brillante e incisiva la scrittura filmica di Morelli, che si limita a un’impaginazione corretta, nitida ma tutto sommato piuttosto impersonale, dell’immagine, salvo i flashback, che rievocano i cromatismi ipersaturi di City of god e le barocche invenzioni sintattiche della serie tv. Ma il film val bene una visione: speriamo che qualche distributore italiano lo regali ai fan della serie, almeno in DVD.

Leonardo De Franceschi

Cast & CreditsCidade dos homens (City of Men)
Regia: Paulo Morelli; soggetto: Paulo Morelli, Elena Soárez; sceneggiatura: Elena Soárez; fotografia: Adriano Goldman; montaggio: Daniel Rezende; suono: Alessandro Laroca; scenografia: Rafael Ronconi; costumi: Ines Salgado; musiche: Antonio Pinto; interpreti: Douglas Silva, Darlan Cunha, Jonathan Haagensen, Rodrigo Dos Santos, Camila Monteiro, Naima Silva, Eduardo ’Br’ Piranha, Luciano Vidigal, Pedro Henrique; origine: Brasile, 2007; formato: 35 mm, 1:1,85; durata: 110’; produzione: Andrea Barata Ribeiro, Bel Berlinck, Fernando Meirelles, Paulo Morelli per 02 Filmes, in coproduzione con Fox Film, Globo Films; distribuzione internazionale: Lumina Films; sito ufficiale: www.cidadedoshomens.com.br/

Versione stampabile: Enregistrer au format PDF
fine_sezione
title_news
giovedì 21 marzo 2019

Rappresentare le migrazioni oggi

Lunedì 25 marzo, alle ore 17.30, in via della Dogana Vecchia 5 (Roma) si svolgerà la serata (...)

giovedì 21 marzo 2019

Fescaaal 2019: apre Fiore gemello

La cerimonia di apertura del 29° Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina (FESCAAAL) (...)

lunedì 18 marzo 2019

La cittadinanza come luogo di lotta

Il prossimo venerdì 29 marzo 2019 dalle ore 18:30 alle 20:30 il nostro Leonardo De Franceschi (...)

lunedì 18 marzo 2019

Io sono Rosa Parks alla Feltrinelli

Sono tutti Rosa Parks i 12 ragazzi e ragazze di #ItalianiSenzaCittadinanza protagonisti di Io (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha