title_magazine

L’uomo del Klan

di Terence Young

La battaglia di Atoka

Un auto della polizia viaggia su una strada della contea di Atoka, in Alabama. L’auto si ferma, scende lo sceriffo Track Bascomb che interrompe un gruppo di uomini bianchi che, nascosti tra gli alberi, si stanno “divertendo” a spaventare una ragazza nera. Lo sceriffo interviene, disperde gli uomini e manda a casa la ragazza come se nulla fosse accaduto. Con questa sequenza inizia il discusso film diretto da Terence Young, padre di James Bond, The Klansman (L’uomo del Klan, 1974). Il film è tratto dall’omonimo romanzo di William Bradford Huie che nel 1967, in occasione dell’uscita del libro, venne minacciato di morte dal Ku Klux Klan.

L’uomo del Klan racconta la storia di una guerra razziale che si scatena nella contea di Atoka, in Alabama, nel profondo sud degli Stati Uniti, in seguito alla violenza sessuale subita da una bianca per mano, sembra, di un uomo di colore. La croce infuocata del Ku Klux Klan si scatena e, proprio alla vigilia di una manifestazione organizzata per reclamare il diritto di voto per gli afroamericani, il Klan uccide un ragazzo di colore. La reazione del suo amico che ha assistito all’omicidio scatena un circolo di violenza che sfocia in una vera e propria battaglia che si svolge nel bosco di querce secolari che circonda la casa dell’anziano Breck Stencil, che ospita gratuitamente nella sua tenuta alcune famiglie di afroamericani.

La struttura scelta da Young per L’uomo del Klan intreccia su vari livelli più scontri diretti, tra singoli individui e tra gruppi. Lo sceriffo si scontra con l’amico Breck: Track emerge in tutta la sua debolezza che lo porta a vivere la contraddizione che lo vede costretto a coprire il Klan per essere rieletto pur essendo consapevole della follia delle idee razziste che sono alla base del Klan. Breck si scontra dunque con tutta la comunità che per la maggior parte disprezza i neri e allo stesso tempo conquista il figlio di Track che apre uno conflitto in merito al suo futuro e alle sue idee con il padre. La giovane Loretta Sykes che Breck ha cresciuto e aiutato ad andare a Chicago dove collabora con il movimento per i diritti civili, torna, viene aggredita dal Klan e si scontra con Garth, il ragazzo che sta vendicando il suo amico ucciso e che sostiene che il movimento pacifista non è destinato ad avere alcun risultato.
Tutti questi conflitti esplodono e in parte si risolvono nella celebre scena della battaglia finale che esplode tra i membri del Klan e Breck, Track, Loretta e gli altri abitanti nello storico bosco della tenuta di Breck. Un fantasma testimonia ancora una volta la violenza scatenata dall’odio razziale, dall’oppressione, l’albero dove venne impiccato il nonno di Breck che nell’800 si era battuto contro la schiavitù: un testimone innocente di una storia sanguinosa che ancora non trova soluzione.

L’uomo del Klan, diretto da Young e scritto da Samuel Fuller, è un film drammatico con i ritmi e le caratteristiche del western: Young si concentra sui volti segnati dei personaggi, sui dettagli degli occhi, delle mani, sui silenzi, sullo scontro tra figure forti e piene di conflitti. Un film che racconta e mostra la violenza di quegli anni, i conflitti e le contraddizioni, senza censure, e non a caso il film venne vietato ai minori di 18 anni.

A trentacinque anni dall’uscita nelle sale de L’uomo del Klan, è disponibile la versione homevideo edita da Casini Editore. Un dvd senza extra con il film solo nella versione originale inglese con la possibilità dei sottotitoli in Italiano che si trova anche nella versione dvd + booklet. Una versione grezza, non restaurata, che dà comunque la possibilità di vedere un film controverso che racconta una realtà violenta di un passato recente che sembra oggi molto lontano.

Alice Casalini

Cast & CreditsThe Klansman (L’uomo del Klan)
Regia: Terence Young; sceneggiatura: Millard Kaufman, Samuel Fuller; fotografia: Aldo Tonti, Lloyd Ahern; musiche: Stu Gardner, Dale O. Warren; montaggio: Gene Milford; scenografia: Ray Molyneaux; costumi: Chad Harwood, Agnes G. Henry, Mickey Sherrard; interpreti: Luciana Paluzzi, Cameron Mitchell, Lee Marvin, Richard Burton, Linda Evans, Lola Falana; origine: Usa, 1974; formato: 35 mm, 1.85, Dolby Srd; durata: 100’; produzione: Atlanta Production, Paramount Pictures; distribuzione homevideo: Casini Editore, 01 Distribution; data di uscita: 18 marzo 2009; sito italiano: www.casinieditore.com
DVD nella confezione: 1; supporto: DVD5; regione: 2; formato video: 4/3 1.33:1; formato audio: Dual Mono; audio: inglese (originale, 2.0); lingue sottotitoli: italiano.

Versione stampabile: Enregistrer au format PDF
fine_sezione
title_news
mercoledì 19 settembre 2018

On line il sito Missing at the Borders

E’ on line il sito https://missingattheborders.org/ che intende dare voce e dignità alla famiglie (...)

mercoledì 19 settembre 2018

In sala La libertà non deve morire in mare

Esce nelle sale giovedì 27 settembre con Distribuzione Indipendente il documentario La libertà (...)

lunedì 10 settembre 2018

Venezia75: alle GdA due premi per Joy

Alle Giornate degli Autori della Mostra di Venezia ben due premi sono andati a Joy della (...)

lunedì 10 settembre 2018

Venezia75: premiato 1938 Diversi

Presentato fuori concorso a Venezia 75 - in sala dall’11 ottobre e il 23 ottobre su Sky Arte - (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha