title_magazine

Obsessed

di Steve Hill

Dopo il successo riscosso negli anni passati con le Destiny’s Child, e quello attuale da cantante solista, la “pantera rosa” più famosa del mondo, Beyoncé Knowles, aggiunge una pellicola in più alla sua carriera da attrice, cominciata con Carmen: a Hip Hopera (Robert Townsend, 2001), seguita da Austin Powers in Goldmember (Jay Roach, 2002), The Fighting Temptations (Jonathan Lynn, 2003), La pantera rosa (Shawn Levy, 2006), Dreamgirls (Bill Condon, 2006), il recentissimo Cadillac Records (Darnell Martin, 2008) e giunta, ad oggi, proprio ad Obsessed (id., 2009), thriller già da aprile sugli schermi statunitensi e da oggi nelle sale italiane, diretto dal regista televisivo e attore Steve Shill.


Trailer fornito da Filmtrailer.com

Il film racconta le vicende di Derek Charles (Idris Elba), manager di successo, che ha appena ricevuto un’importante promozione, e che vive nella più totale felicità insieme alla sua bellissima moglie Sharon (Beyoncé Knowles) e al loro piccolo Kyle (Nicolas Myers). Ma a disturbare il suo equilibrio è la sua nuova segretaria, Lisa (Ali Larter), che mette in pericolo le cose più importanti di Derek: il suo lavoro e la sua famiglia. Lisa non è perdutamente innamorata di Derek, lei è proprio ossessionata.

Il regista inglese, a proposito del personaggio di Lisa, spiega che «lei crede veramente di essere ricambiata nel sentimento che prova per Derek; non agisce con cattiveria, né è una “rovina famiglie”, lei è del tutto convinta di stare con lui e agisce di conseguenza. Che poi sia solo una sua fantasia, rende il personaggio ancora più interessante». Pura e semplice patologia, dunque. Una sceneggiatura (curata da David Loughery), in fin dei conti, abbastanza semplice e schematica, forse anche troppo, dove la coprotagonista, per l’appunto Beyoncé Knowles, rappresenta indubbiamente un motivo di attrazione da parte del pubblico.

E riguardo al suo ruolo, racconta Beyoncé: «Volevo fare questo film perché finalmente avevo la possibilità di confrontarmi con un ruolo diverso dal solito. In genere è l’uomo a salvare la donna dal pericolo rappresentato dall’altra, mentre in Obsessed è il mio personaggio a prendere in mano la situazione. La mia Sharon è una donna normale; madre e moglie, fa quello che farebbe una qualsiasi altra donna nel momento in cui sente che la sua famiglia è in pericolo. La scena di lotta è stata dura, ho fatto quasi tutti i miei stunt e ho riportato diversi lividi. Ma è stato anche molto interessante tirare fuori quella forza che viene alle donne quando la situazione lo richiede».

Forse più una forza da video clip musicale, visto che in alcuni momenti del film la cantante si mostra più come la Beyoncé famosa in tutto il globo, che come Sharon Charles. Ma forse era già nelle intenzioni del regista e dello sceneggiatore, il quale a volte, all’interno di alcuni eventi del film, lascia una troppa libera interpretazione allo spettatore, con rischio confusione. Interessante, in ogni caso, l’idea della donna bianca (da notare che, casualmente, è proprio colei che è ossessionata) che prova a soffiare l’uomo a una black woman; ed ecco allora che esplode l’orgoglio felino e distruttivo.

Renata Ornella Orlando

Cast & CreditsObsessed (id.)
Regia: Steve Shill; sceneggiatura: David Loughery; fotografia: Ken Seng; suono: Anthony Adams; montaggio: Paul Seydor; scenografia: Dena Roth; costumi: Maya Lieberman; interpreti: Idris Elba, Beyoncé Knowles, Ali Larter, Nicolas Myers, Jerry O’Connell; origine: USA, 2009; formato: 35 mm, 2.35:1; produzione: Rainforest Films, Screem Gems; distribuzione: Sony Pictures Releasing Italia; sito ufficiale: areyouobsessed.com; sito italiano

Versione stampabile: Enregistrer au format PDF
fine_sezione
title_news
giovedì 21 marzo 2019

Rappresentare le migrazioni oggi

Lunedì 25 marzo, alle ore 17.30, in via della Dogana Vecchia 5 (Roma) si svolgerà la serata (...)

giovedì 21 marzo 2019

Fescaaal 2019: apre Fiore gemello

La cerimonia di apertura del 29° Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina (FESCAAAL) (...)

lunedì 18 marzo 2019

La cittadinanza come luogo di lotta

Il prossimo venerdì 29 marzo 2019 dalle ore 18:30 alle 20:30 il nostro Leonardo De Franceschi (...)

lunedì 18 marzo 2019

Io sono Rosa Parks alla Feltrinelli

Sono tutti Rosa Parks i 12 ragazzi e ragazze di #ItalianiSenzaCittadinanza protagonisti di Io (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha