title_magazine

Italia-Africa: tre festival per riscoprire il cinema africano

di Maria Coletti

Savona, Verona e Bari – novembre 2009

L’autunno caldo di cinema africano si è aperto lo scorso 5 novembre a Savona, con la quinta edizione della rassegna di cinema africano Uno sguardo all’Africa (5-26 novembre 2009), che quest’anno, nelle intenzioni della curatrice Daniela Ricci, è soprattutto un viaggio nell’universo femminile: «Donne che si raccontano in libertà e bambine che affrontano con coraggio la complessità della vita, cercandone il cambiamento».
Dal 5 al 26 novembre, Uno sguardo all’Africa propone una serata a settimana presso il Nuovofilmstudio (www.nuovofilmstudio.it) per scoprire film, documentari, corti e teatro africani.
Tra i titoli selezionati, segnaliamo lo splendido Teza del regista etiope-americano Haile Gerima (12 novembre) e il mitico cortometraggio del visionario senegalese Djibril Diop Mambéty, La petite vendeuse de soleil (19 novembre), mentre la serata conclusiva sarà all’insegna del grande scrittore, filosofo e antropologo maliano Amadou Hampaté Ba, con uno spettacolo teatrale tratto dal suo Origine leggendaria dell’eclissi: la pièce Sole nero, luna rossa diretta da Lelia Serra e interpretato da Bintou Ouattara e Filippo Ughi.

E’ giunto invece alla ventinovesima edizione il Festival di Cinema Africano di Verona (13-21 novembre 2009 – nella foto un particolare della locandina), che, come spiegano i Direttori Artistici Fabrizio Colombo e Stefano Gaiga, è dedicata ad uno sguardo nuovo, una visione che il cinema è in grado di incarnare restituendo al meglio le componenti di immaginazione e inventiva che rendono l’Africa nuova e innovativa. Una prospettiva in piena sintonia con l’Anno europeo della creatività e dell’innovazione.
In cartellone lungometraggi, corti, documentari e serie tv per un totale di 45 produzioni in 6 sezioni: le pellicole in competizione e fuori concorso sono suddivise in Panoramafrica (lungometraggi), Africa Short (corti) e Africa Doc (documentari); New Africa e Migrazioni presenta film legati a queste due tematiche all’ordine del giorno; Children Rights è dedicata ai diritti dei bambini e Africa Pop al cinema popolare africano.
«Nell’ideare questa XXIX edizione» - spiega Fabrizio Colombo - «il punto di partenza, anche per quanto riguarda le scelta delle pellicole, è stato porsi una domanda: l’Africa è innovativa o vittima dei cliché che si sono accumulati negli anni? Noi siamo convinti che abbia voglia di rinnovarsi e questo desiderio si riverbera in modo tangibile nei film».
Tra i titoli selezionati nel concorso ufficiale, segnaliamo Buried Secrets delle tunisina Raja Amari, L’Absence del guineano Mama Keïta e Sheherazade, tell me a story dell’egiziano Yousry Nasrallah.

A Bari, infine, si svolgerà la diciannovesima edizione del Balafon Film Festival (13-20 novembre 2009), nato prima ancora del centro interculturale Abusuan che si occupa dell’intera organizzazione, grazie all’impegno e dedizione di Koblan Amissah, che tiene a precisare: «Non è un festival per immigrati, ma di cinema africano».
La rassegna, che si terrà al cinema Armenise, presenta dieci titoli, tra lungometraggi e corti, in concorso, e quindici film (compresi anche due documentari) nella sezione fuori concorso. In rassegna film dedicati all’intero continente con una leggera prevalenza della produzione sudafricana, significativa sia per l’influenza storico-culturale dell’apartheid sia perché è la più attiva nel settore, e di quella nigeriana.
Nella serata di apertura del 13 novembre segnaliamo due interessanti documentari italiani: Se ci dobbiamo andare andiamoci di Vito Palmieri, che scruta i destini incrociati dei ragazzi di una classe media in provincia di Bologna per analizzare il tema dell’integrazione dei figli di immigrati nati nel nostro paese ormai a tutti gli effetti multilingue e multiculturale; U stisso sangu (Storie più a sud di Tunisi) del fotogiornalista Francesco Di Martino e del critico letterario Sebastiano Adornò: una raccolta di storie dei migranti sbarcati più a sud di Tunisi, sulle coste sudorientali della Sicilia, un cammino difficile, ma che inevitabilmente si incrocia e a volte si scontra con la realtà locale.

Versione stampabile: Enregistrer au format PDF
fine_sezione
title_news
mercoledì 19 settembre 2018

On line il sito Missing at the Borders

E’ on line il sito https://missingattheborders.org/ che intende dare voce e dignità alla famiglie (...)

mercoledì 19 settembre 2018

In sala La libertà non deve morire in mare

Esce nelle sale giovedì 27 settembre con Distribuzione Indipendente il documentario La libertà (...)

lunedì 10 settembre 2018

Venezia75: alle GdA due premi per Joy

Alle Giornate degli Autori della Mostra di Venezia ben due premi sono andati a Joy della (...)

lunedì 10 settembre 2018

Venezia75: premiato 1938 Diversi

Presentato fuori concorso a Venezia 75 - in sala dall’11 ottobre e il 23 ottobre su Sky Arte - (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha