title_magazine

Cannes 63: Mahamat-Saleh Haroun

di Maria Coletti

«L'Africa ha dimenticato il legame fra padri e figli»

«L’Africa ha perso una cosa fondamentale per la sua cultura: la trasmissione da padre a figlio», ha dichiarato, presentando il suo film Un homme qui crie in lizza per la Palma d’Oro, il regista ciadiano Mahamat-Saleh Haroun in un’intervista alla AFP realizzata da Rébecca Frasquet e pubblicata sul sito del Festival di Cannes.

Mahamat-Saleh Haroun, 49 anni, dice di aver condensato nel suo film le guerre che hanno insanguinato il Ciad per più di 40 anni e di essersi ispirato in particolare agli avvenimenti del 13 aprile 2006, quando, durante le riprese del suo film precedente Daratt, le truppe ribelli sono entrate nella capitale N’Djamena scatenando panico e violenza: «Proprio quel giorno il giovane protagonista del film, Ali Barkai, compiva 18 anni... Che regalo di compleanno per entrare nel mondo degli adulti!». Dopo alcune ore di combattimenti, infatti, per le strade c’erano 300 cadaveri: una tragedia amara, purtroppo già vissuta dal regista, che, a soli 19 anni, aveva dovuto fuggire dal suo paese in guerra.

«L’Africa ha interrotto la trasmissione fra la generazione dei padri dell’indipendenza e le generazioni successive: questa rottura ha generato la violenza e l’impossibilità di avere un orizzonte politico stabile. Alcuni come Thomas Sankara e Kwame Nkrumah hanno visto soffocare i propri sogni, ma è anche vero che, nella storia dell’umanità, nessuno stato moderno si è costruito in 50 anni...».

Alla giornalista Haroun ha dichiarato di essere molto emozionato e un po’ intimidito all’idea di essere in competizione ufficiale, accanto a due delle tre K che ama di più: Kiarostami e Kitano (l’altra K è Kurosawa, morto nel 1998). Ma ha anche ammesso di provare una profonda tristezza nell’essere l’unico regista a rappresentare l’Africa subsahariana, che festeggia quest’anno i 50 anni di indipendenza ed è assente nella competizione di Cannes dal 1997, l’anno di Kini & Adams di Idrissa Ouedraogo. «Mi dico che bisogna essere grandi sognatori per continuare a fare cinema in paesi che non finanziano le produzioni locali o in cui le sale cinematografiche continuano a chiudere...».

In Ciad, però, sembra accendersi una piccola luce di speranza: il cinema Normandy, immortalato da Raymond Depardon nel suo libro Voyages e che Haroun aveva filmato in condizioni ormai fatiscenti nel film Bye Bye Africa, sta per riaprire dopo lavori di restauro.

* Nella foto, Mahamat-Saleh Haroun (al centro) al photo-call con i due protagonisti del film (copyright AFP)

Versione stampabile: Enregistrer au format PDF
fine_sezione
title_news
giovedì 21 marzo 2019

Rappresentare le migrazioni oggi

Lunedì 25 marzo, alle ore 17.30, in via della Dogana Vecchia 5 (Roma) si svolgerà la serata (...)

giovedì 21 marzo 2019

Fescaaal 2019: apre Fiore gemello

La cerimonia di apertura del 29° Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina (FESCAAAL) (...)

lunedì 18 marzo 2019

La cittadinanza come luogo di lotta

Il prossimo venerdì 29 marzo 2019 dalle ore 18:30 alle 20:30 il nostro Leonardo De Franceschi (...)

lunedì 18 marzo 2019

Io sono Rosa Parks alla Feltrinelli

Sono tutti Rosa Parks i 12 ragazzi e ragazze di #ItalianiSenzaCittadinanza protagonisti di Io (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha