title_news_large
martedì 31 agosto 2010

Ad Haroun il Premio Bresson 2010

Al cineasta ciadiano Mahamat-Saleh Haroun il Premio Bresson 2010, attribuito dalla Fondazione Ente dello Spettacolo e dalla Rivista del Cinematografo al regista la cui opera testimoni un cammino di autentica ricerca spirituale. Il riconoscimento gli verrà consegnato dal patriarca di Venezia Angelo Scola, nella tradizionale cerimonia che si terrà al Lido, presso l’Hotel Excelsior (Sala tropicana 1, ore 11.30, spazio FEdS), il prossimo 6 settembre. Haroun non è nuovo alla Mostra: nel 2006 con Daratt - La stagione del perdono si era aggiudicato il Gran Premio della Giuria, mentre quest’anno ha ricevuto a Cannes la definitiva consacrazione vincendo il Premio della giuria con il film Un homme qui crie.

In Haroun «la storia personale e quella collettiva si intrecciano di continuo - afferma Dario E. Viganò, Presidente della Fondazione Ente dello Spettacolo e direttore di RdC - e saldano in un unico movimento le responsabilità dei singoli ai destini dei molti. In tempi di marcato individualismo, il suo cinema ci ricorda che nessun uomo è un’isola. Per questo la Fondazione Ente dello Spettacolo gli esprime profonda gratitudine conferendogli il Premio Bresson».

Fonte: Cinematografo.it

fine_sezione
title_magazine_interno

Presenze africane sulla Croisette

Un po’ in ritardo segnaliamo alcuni dei titoli che sono presentati in questi giorni al 72° Festival di Cannes (14-25 maggio 2019). Per la prima (...)

FESCAAAL 2019: Rih rabani / Divine Wind

Presentato in anteprima mondiale a Toronto, Divine Wind (2018) del veterano Merzak Allouache era senz’altro tra i film più attesi in concorso al (...)

FESCAAAL 2019: tutti i premi

Sabato 30 marzo è stato il giorno delle cerimonie di premiazione del FESCAAAL di Milano. Ne parliamo al plurale, perché ce ne sono state due. La (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha