title_news_large
domenica 10 ottobre 2010

Il grande naufragio delle sale in Marocco

Secondo i dati allarmanti diffusi ad agosto dal Centre Cinématographique Marocain, il numero di sale cinematografiche in attività sarebbe precitato appena a 41 unità, per un totale di 65 schermi. Solo pochi anni fa, alla fine del 2003, le sale in funzione erano 160. La diffusione, peraltro, è molto disomogenea e concentrata in poche grandi città: Casablanca (11 sale), Marrakech (6), Tangeri e Oujda (5). E sì che il Marocco continua ad essere meta di numerose produzioni internazionali ad alto budget e teatro di sempre più numerosi festival. Solo due anni fa, era stato annunciato un piano per la creazione di 300 sale entro il 2012, rimasto di fatto lettera morta. L’unica nota parzialmente positiva viene dal box-office: nel secondo e terzo trimestre dell’anno Al khattaf (Il clandestino) di Said Naciri ha più che duplicato gli incassi del secondo titolo in classifica, Inception di Christopher Nolan.

Fonte: Le Matin (lematin.ma).

[Leonardo De Franceschi]

fine_sezione
title_magazine_interno

Presenze africane sulla Croisette

Un po’ in ritardo segnaliamo alcuni dei titoli che sono presentati in questi giorni al 72° Festival di Cannes (14-25 maggio 2019). Per la prima (...)

FESCAAAL 2019: Rih rabani / Divine Wind

Presentato in anteprima mondiale a Toronto, Divine Wind (2018) del veterano Merzak Allouache era senz’altro tra i film più attesi in concorso al (...)

FESCAAAL 2019: tutti i premi

Sabato 30 marzo è stato il giorno delle cerimonie di premiazione del FESCAAAL di Milano. Ne parliamo al plurale, perché ce ne sono state due. La (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha