title_news_large
domenica 13 febbraio 2011

Filmare la rivoluzione dei gelsomini

Secondo quanto riferisce la newsletter Méditerranée Audiovisuelle, il filmmaker tunisino (ma con studi al Dams di Bologna) Mourad Ben Cheikh ha iniziato le riprese di un documentario sulla rivoluzione dei gelsomini, culminata il 14 gennaio con l’uscita di scena del presidente Ben Ali. «Questo documentario offre una lettura di ciò che è successo, dopo questa data, attraverso personaggi rappresentativi e cittadini comuni. L’obiettivo era quello di comprendere l’impatto di questi avvenimenti sulla vita quotidiana di due donne, un uomo e una famiglia», come ha spiegato il produttore di Cinétéléfilms Habib Attia.

Ma secondo quanto riportato da La Presse del 7 febbraio, oltre a Ben Cheikh, anche altri cineasti tunisini si sono messi in lavoro per raccontare questa delicata e storica fase della vita della Tunisia, vale a dire Nejib Belkadhi, Elyès Baccar, Mohamed Zran, Olfa Chakroun, Nadia El Fani e Mohamed Ali Nahdi. Un’effervescenza che esprime la necessità di tornare a descrivere il Paese reale, dopo quasi venticinque anni di censure ed autocensure.

[Leonardo De Franceschi]

fine_sezione
title_magazine_interno

Presenze africane sulla Croisette

Un po’ in ritardo segnaliamo alcuni dei titoli che sono presentati in questi giorni al 72° Festival di Cannes (14-25 maggio 2019). Per la prima (...)

FESCAAAL 2019: Rih rabani / Divine Wind

Presentato in anteprima mondiale a Toronto, Divine Wind (2018) del veterano Merzak Allouache era senz’altro tra i film più attesi in concorso al (...)

FESCAAAL 2019: tutti i premi

Sabato 30 marzo è stato il giorno delle cerimonie di premiazione del FESCAAAL di Milano. Ne parliamo al plurale, perché ce ne sono state due. La (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha