title_news_large
domenica 20 febbraio 2011

Berlinale: Köhler premiato per "Schlafkrankheit"

Si sono chiusi i battenti della Berlinale numero 61, con un palmarès di riconoscimenti e premi ufficiali e collaterali che ha lasciato a bocca asciutta i titoli panafricani in lizza. Unica eccezione, Schlafkrankheit (lett. Malattia del sonno), coproduzione tra Germania, Francia e Paesi Bassi diretta dal tedesco Ulrich Köhler, una storia a cavallo tra Europa e Africa che gravita intorno a due medici africani, specializzati nella malattia del sonno ma che vivono con difficoltà questa doppia appartenenza a due mondi.

Il regista Köhler, cui è andato l’Orso d’Argento per la regia, ha dichiarato tra l’altro: «La situazione attuale in Africa è relativamente schizofrenica. Alcuni “esperti” parlano della necessità di mettere fine agli aiuti umanitari e alla soppressione del debito nel continente. Tuttavia, ho dubbi seri su questa teoria, come ne ho sull’attivismo paternalista alla Bono. C’è bisogno di un’onestà indispensabile al momento di decidere con quali governi collaborare e di determinare i reali motivi di queste collaborazioni».

[Leonardo De Franceschi]

fine_sezione
title_magazine_interno

Presenze africane sulla Croisette

Un po’ in ritardo segnaliamo alcuni dei titoli che sono presentati in questi giorni al 72° Festival di Cannes (14-25 maggio 2019). Per la prima (...)

FESCAAAL 2019: Rih rabani / Divine Wind

Presentato in anteprima mondiale a Toronto, Divine Wind (2018) del veterano Merzak Allouache era senz’altro tra i film più attesi in concorso al (...)

FESCAAAL 2019: tutti i premi

Sabato 30 marzo è stato il giorno delle cerimonie di premiazione del FESCAAAL di Milano. Ne parliamo al plurale, perché ce ne sono state due. La (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha