title_news_large
giovedì 10 marzo 2011

"Io non respingo", alla Casa del Cinema

Gli autori e produttori di Come un uomo sulla terra e la Sezione Italiana di Amnesty International organizzano venerdì 11 marzo a Roma una proiezione speciale a ingresso gratuito del film di Andrea Segre, Dagmawi Yimer e Riccardo Biadene (prod. Asinitas-ZaLab 2008), Come un uomo sulla terra, che oltre due anni fa contribuì a rompere il silenzio sul Trattato Italia - Libia, raccontando le violenze perpetrate dalle forze di sicurezza di Gheddafi su centinaia di donne e uomini migranti ed evidenziando le responsabilità del governo italiano.

Durante la serata, che si svolgerà alla Casa del Cinema (Largo Marcello Mastroianni 1, Sala Deluxe, dalle 20.30), interverranno tra gli altri Gabriele del Grande (Fortress Europe) in collegamento da Tunisi, Gino Barsella (Consiglio Italiano Rifugiati a Tripoli), don Mussie Zerai (Agenzia Habeshia) e Riccardo Noury (Amnesty International). Si tenterà inoltre di mettersi in collegamento con dei rifugiati eritrei a Tripoli e saranno presenti gli autori e i protagonisti del film.

In questi giorni drammatici di rivolta, è quanto mai urgente sostenere il popolo libico nella sua richiesta di libertà e diritti umani e rilanciare le politiche italiane di accoglienza nei confronti di migranti e rifugiati, non dimenticando le responsabilità dell’Italia per aver costruito negli ultimi dieci anni una cooperazione istituzionale e operativa con la Libia di Gheddafi senza alcuna attenzione per i diritti umani.
L’ “evacuazione umanitaria” di un gruppo di rifugiati eritrei, giunti in Italia la sera dell’8 marzo, fa sperare in un approccio dell’Italia maggiormente attento ai diritti umani e all’incolumità delle persone a rischio in Libia, inclusi centinaia di cittadini dell’Africa sub-sahariana che si trovano in trappola, anche perché bloccati negli ultimi due anni dai respingimenti italo - libici e tuttora esposti alle violenze di polizia e forze speciali.

Gli autori di Come un uomo sulla terra e la Sezione Italiana di Amnesty International chiedono, con le migliaia di persone che in questi anni hanno firmato gli appelli sulla cooperazione con la Libia, che l’Italia e l’Europa mostrino la loro parte migliore, mettendo in campo tutte le proprie forze per salvare le vite di migranti e dei rifugiati in fuga dalle violenze, invece di cedere alla retorica dell’emergenza e della “invasione”.

[Maria Coletti]

fine_sezione
title_magazine_interno

Presenze africane sulla Croisette

Un po’ in ritardo segnaliamo alcuni dei titoli che sono presentati in questi giorni al 72° Festival di Cannes (14-25 maggio 2019). Per la prima (...)

FESCAAAL 2019: Rih rabani / Divine Wind

Presentato in anteprima mondiale a Toronto, Divine Wind (2018) del veterano Merzak Allouache era senz’altro tra i film più attesi in concorso al (...)

FESCAAAL 2019: tutti i premi

Sabato 30 marzo è stato il giorno delle cerimonie di premiazione del FESCAAAL di Milano. Ne parliamo al plurale, perché ce ne sono state due. La (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha