title_news_large
domenica 10 aprile 2011

Aggressione integralista per Nouri Bouzid

Il regista tunisino Nouri Bouzid (Making of, L’homme de cendres) è stato aggredito il 6 aprile da uno sconosciuto, mentre stava discutendo con alcuni studenti del campus El Manar. L’aggressore, un uomo con barba, lo ha colpito sulla testa con una spranga al grido di Allahu Akbar (Allah è grande). Per sua fortuna, il regista portava un cappello, il che gli ha permesso di limitare i danni del colpo infertogli.

Bouzid ha preferito non esporre denuncia, ma l’8 aprile si è tenuto al cinema Africart un incontro di artisti e cineasti in segno di solidarietà con il regista. L’aggressione è stata messa in relazione con alcune recenti dichiarazioni di Bouzid in tema di laicità.

[Leonardo De Franceschi]

fine_sezione
title_magazine_interno

Presenze africane sulla Croisette

Un po’ in ritardo segnaliamo alcuni dei titoli che sono presentati in questi giorni al 72° Festival di Cannes (14-25 maggio 2019). Per la prima (...)

FESCAAAL 2019: Rih rabani / Divine Wind

Presentato in anteprima mondiale a Toronto, Divine Wind (2018) del veterano Merzak Allouache era senz’altro tra i film più attesi in concorso al (...)

FESCAAAL 2019: tutti i premi

Sabato 30 marzo è stato il giorno delle cerimonie di premiazione del FESCAAAL di Milano. Ne parliamo al plurale, perché ce ne sono state due. La (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha