title_news_large
giovedì 27 ottobre 2011

La Primavera araba a Villa Medici

L’Accademia di Francia a Roma – Villa Medici presenta il 3, 10 e 17 novembre alcuni documentari che raccontano dal di dentro le rivoluzioni popolari che hanno segnato una svolta epocale nei paesi del Mediterraneo, in particolare in Egitto e in Tunisia. Tre serate di proiezioni e dibattiti, per illustrare gli eventi che stanno scrivendo la storia del più vicino oriente e l’effervescenza culturale che sta riunendo una generazione importante di cineasti.
Il 3 novembre il regista italiano Stefano Savona presenterà il suo documentario Tahrir (Piazza della Liberazione), un instant-doc che racconta la piazza della rivoluzione egiziana in un film scritto con i volti, le mani e le voci di chi c’è stato.
La serata del 10 novembre, in collaborazione con il SalinaDocFest proporrà la visione di quattro documentari corti e medi che renderanno conto della “Primavera araba dei giovani” vista dai documentaristi tunisini Rafik Omrani, Olfa Chakroun e Karim Yaakoubi.
La serata di chiusura della rassegna avrà luogo il 17 novembre e si articolerà intorno al documentario Plus jamais peur (No More Fear) del regista tunisino Mourad Ben Cheikh. Seguendo le esperienze di tre persone - una blogger, un avvocato e un giornalista - il giovane e talentuoso regista tunisino - che ha studiato in Italia - dà voce agli atti di rivolta contro la logica della paura imposta dal regime dittatoriale.
Tutti i film sono in versione originale con sottotitoli italiani

[Maria Coletti]

fine_sezione
title_magazine_interno

Presenze africane sulla Croisette

Un po’ in ritardo segnaliamo alcuni dei titoli che sono presentati in questi giorni al 72° Festival di Cannes (14-25 maggio 2019). Per la prima (...)

FESCAAAL 2019: Rih rabani / Divine Wind

Presentato in anteprima mondiale a Toronto, Divine Wind (2018) del veterano Merzak Allouache era senz’altro tra i film più attesi in concorso al (...)

FESCAAAL 2019: tutti i premi

Sabato 30 marzo è stato il giorno delle cerimonie di premiazione del FESCAAAL di Milano. Ne parliamo al plurale, perché ce ne sono state due. La (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha