title_news_large
venerdì 18 maggio 2007

L'Africa a Tous les Cinémas du Monde

Come anticipato un mese fa, all’edizione numero sessanta del festival di Cannes, mercoledi 23 maggio sarà la giornata dedicata all’Africa. Il programma speciale Tous les Cinémas du Monde dedica infatti la programmazione del 23 alla produzione del continente nero, ospitando quattro lungometraggi.
Dopo il Gran Premio della Giuria a Sundance nel 2005, O heroi (2004), la fortunata opera d’esordio dell’angolano Zézé Gamboa ha fatto il giro del mondo, sbarcando anche al festival di Milano e a Panafricana, con la sua storia toccante di un reduce mutilato della guerra civile angolana che cerca faticosamente di reintegrarsi in una società inquinata dagli intrighi di una classe politica corrotta. Quanto a Un matin bonne heure (2006), coprodotto dall’emittente francotedesca Arte e diretto dal guineano Gahité Fofana, si tratta di un asciutto docudrama che rilegge la tragica storia di Yaguin e Fodé, i due ragazzini che nel 1999 sono morti nel tentativo di emigrare clandestinamente in Belgio, nascosti nel vano carrello di un aereo, e hanno lasciato al mondo una straziante lettera indirizzata ai potenti dell’Europa. Più recenti e meno noti, il documentario kenyano Mo & Me (Mourad Rayani, 2006) e il lungo guineano Il va plevoir sur Conakry (Cheikh Fantamady Camara, 2007). Il primo, opera di un giovane documentarista con una formazione a New York, è un sentito omaggio al cineoperatore e attivista politico Mohammed Amin, narrato dal punto di vista del figlio Salim. Il secondo, presentato al Fespaco 2007, è un dramma che descrive i dilemmi interiori del disegnatore Karamo, scisso tra il desiderio di seguire l’istinto difendendo la sua libertà e l’amore per la bella Kesso, e l’onere di ricalcare le orme del padre imam del villaggio.

fine_sezione
title_magazine_interno

Presenze africane sulla Croisette

Un po’ in ritardo segnaliamo alcuni dei titoli che sono presentati in questi giorni al 72° Festival di Cannes (14-25 maggio 2019). Per la prima (...)

FESCAAAL 2019: Rih rabani / Divine Wind

Presentato in anteprima mondiale a Toronto, Divine Wind (2018) del veterano Merzak Allouache era senz’altro tra i film più attesi in concorso al (...)

FESCAAAL 2019: tutti i premi

Sabato 30 marzo è stato il giorno delle cerimonie di premiazione del FESCAAAL di Milano. Ne parliamo al plurale, perché ce ne sono state due. La (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha