title_news_large
giovedì 27 giugno 2013

Mohamed Ba, dallo schermo alla pagina

Qui a Cinemafrica abbiamo scoperto lo scrittore, attore, mediatore culturale e musicista Mohamed Ba grazie al cortometraggio di Dagmawi Yimer contenuto nel documentario a episodi Benvenuti in Italia, prodotto dall’Archivio delle Memorie Migranti. Sulla sua storia e sulla strage dei senegalesi di Firenze ora Dagmawi Yimer sta lavorando a un lungometraggio.
Nel frattempo, per scoprire più in profondità l’opera di questo artista vittima del razzismo in Italia (è stato accoltellato nel 2009, a Milano, mentre era in strada alla fermata dell’autobus), possiamo approfittare dell’uscita del suo primo romanzo, Il tempo dalla mia parte (Edizioni Paoline, 2013).
Da anni la siccità non lascia tregua. Nessuna goccia di pioggia ammorbidisce il terreno secco della mitica Jolof, terra africana densa di racconti e incrocio di popoli. Poco più che ragazzino, Amed si vede affidare una missione importante: dovrà partire per l’Occidente alla ricerca del tamburo magico, capace di invocare la pioggia e interrompere l’arsura. Il cielo non lascia altra speranza, ma Amed non è il primo a partire: un gruppo di giovani ha tentato l’impresa e non ha mai fatto ritorno.
Tra Francia e Italia, tra momenti spassosi e altri di intensa drammaticità, la vicenda del libro si lega a doppio filo ai problemi della convivenza tra popoli diversi, fino a costituire una vera e propria fiaba di riconciliazione.

Per acquistare il libro on line, a prezzo scontato, clicca qui

[Maria Coletti]

fine_sezione
title_magazine_interno

Presenze africane sulla Croisette

Un po’ in ritardo segnaliamo alcuni dei titoli che sono presentati in questi giorni al 72° Festival di Cannes (14-25 maggio 2019). Per la prima (...)

FESCAAAL 2019: Rih rabani / Divine Wind

Presentato in anteprima mondiale a Toronto, Divine Wind (2018) del veterano Merzak Allouache era senz’altro tra i film più attesi in concorso al (...)

FESCAAAL 2019: tutti i premi

Sabato 30 marzo è stato il giorno delle cerimonie di premiazione del FESCAAAL di Milano. Ne parliamo al plurale, perché ce ne sono state due. La (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha