title_news_large
venerdì 2 agosto 2013

Mare Madre al Museo della Sila

A otto anni dall’inaugurazione del Museo Narrante dell’Emigrazione, l’apertura della nuova sezione dedicata all’immigrazione è un atto dovuto in una regione come la Calabria che, da terra di emigrazione, diviene meta per i migranti.

L’arrivo della Vlora al porto di Bari l’8 agosto 1991 segna, per il nostro paese, l’inizio di una nuova e dolorosa storia. In "Mare Madre" la voce di Erri De Luca ci introduce in un percorso di otto minuti di immagini e storie tratte da documentari di ZaLab, dell’Archivio Memorie Migranti e da video della Guardia Costiera.

"Un’installazione video all’interno di un container, per ricordare i tragici viaggi, attraverso il mare e il deserto, cui sono sottoposti i migranti di questo ventesimo secolo, spesso in fuga da drammi sofferti nei paesi di origine. Lo spazio di uno sguardo. L’occasione di fermarsi per conoscere, capire, ascoltare gli occhi, il silenzio, la storia". (A.Segre)

[Maria Coletti]

fine_sezione
title_magazine_interno

JCC: due premi per Fatwa

Si è da poco conclusa la 29ma edizione delle Journées Cinématographiques de Carthage a Tunisi, il più importante festival di cinema dedicato alle (...)

Siamo con MEDITERRANEA

Mediterranea è una piattaforma di realtà della società civile arrivata nel Mediterraneo centrale dopo che le ONG, criminalizzate dalla retorica (...)

Atlantico Festival

Arriva al centro sociale TPO di Bologna - il 22 e 23 settembre - la prima edizione di ATLANTICO, un festival che intende esplorare e valorizzare (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha