title_news_large
domenica 16 marzo 2014

Yam Dam al Bergamo Film Meeting

Il regista belga Vivian Goffette, affiancato dall’attore Fabio Zenoni, ha incontrato il pubblico del 32esimo Bergamo Film Meeting per parlare del suo film in concorso, Yam Dam, la storia di un amore dapprima temuto, poi scoppiato e poi spezzato tra un veterinario belga impegnato in un associazione umanitaria che organizza progetti per l’Africa, e una bellissima ragazza africana giunta in Belgio piena di speranze.
I due protagonisti rappresentano l’uno il mondo benestante, annoiato, spento e poco vitale di una certa Europa che pare aver ottenuto tutto quel che desiderava, e l’altra l’autenticità, la vitalità, il coraggio, la semplicità più pura che è in grado di sconvolgere la vita “sistemata” del veterinario - che aveva provveduto a costruirsene un’altra fasulla su internet.
Come spiega il regista: “Non intendo essere duro quando parlo di viltà. Parlo di come tutti mentano, mentiamo a noi stessi, tutti. Tutti mentono nel film, tutti rifiutano di accettare di vedere la realtà. Come l’Europa che mente a se stessa con il problema degli sbarchi in Italia. Non si affronta davvero il problema. Clarisse serve a riportare il protagonista all’essenziale”.

[Maria Coletti]

fine_sezione
title_magazine_interno

Presenze africane sulla Croisette

Un po’ in ritardo segnaliamo alcuni dei titoli che sono presentati in questi giorni al 72° Festival di Cannes (14-25 maggio 2019). Per la prima (...)

FESCAAAL 2019: Rih rabani / Divine Wind

Presentato in anteprima mondiale a Toronto, Divine Wind (2018) del veterano Merzak Allouache era senz’altro tra i film più attesi in concorso al (...)

FESCAAAL 2019: tutti i premi

Sabato 30 marzo è stato il giorno delle cerimonie di premiazione del FESCAAAL di Milano. Ne parliamo al plurale, perché ce ne sono state due. La (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha