title_news_large
venerdì 9 maggio 2014

FCAAAL 2014: il Mandela di Matabane

Il film da non perdere di sabato 10 maggio alle ore 22 allo Spazio Oberdan: Nelson Mandela: the Myth and Me (Nelson Mandela: il mito e io) del talentuoso regista sudafricano Khalo Matabane, in proiezione in prima nazionale.

Khalo Matabane scrive una lunga lettera a Nelson Mandela. E nello stesso tempo interroga opinion leader, vittime dell’Apartheid e membri del suo entourage, chiedendogli di definire i risultati reali di una battaglia politica durata tutta una vita. Tra gli altri, il Dalai Lama, Henry Kissinger, Colin Powell, Peter Hain, Albie Sachs and Ariel Dorfman. La sua recente scomparsa permette di riflettere sulla sua eredità, al di là degli aspetti mitici della sua figura, e in questo modo il ritratto, intimo e non convenzionale, è ricco e toccante. La domanda che resta è come interpretare oggi il suo messaggio di libertà, perdono e riconciliazione.

Il regista, ospite del FCAAAL, incontrerà pubblico e critici domenica 11 maggio alle ore 17 al Festival Center. A seguire, degustazione di tè offerto da Chà Tea Atelier di Gabriella Lombardi.

Matabane nasce nel 1974 in Sudafrica. Comincia a lavorare nel cinema nel 2000 realizzando alcuni documentari per la televisione. Nel 2004 debutta alla regia con il documentario Story of a Beautiful Country. Nel 2008 realizza la serie tv When We Were Black e nel 2011 il suo primo lungometraggio di finzione, State of Violence, è presentato alla Berlinale e vince il Premio Miglior film africano al 21° Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina di Milano.

[Maria Coletti]

fine_sezione
title_magazine_interno

FESCAAAL 2019: il mondo a 360 gradi

Si terrà a Milano, dal 23 al 31 marzo, la 29a edizione del Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina – FESCAAAL, l’unico in Italia (...)

Francofilm 2019: il cinema cresce quando viaggia

Inizia domani la decima edizione di Francofilm - Festival del Film Francofono di Roma, che si svolgerà fino al 14 marzo presso l’Institut Français (...)

Fespaco 2019: la denuncia delle cineaste non allineate

A due giorni dalla fine del Fespaco ci è giunta la notizia di un’azione di denuncia e boicottaggio organizzata da due collettivi di donne cineaste: (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha