title_news_large
giovedì 2 ottobre 2014

Torna il Terra di tutti Film Festival

La vita nella striscia di Gaza, le proteste in Turchia, il Brasile dei mondiali di calcio e una comunità Rom in un campo di Napoli. E, ancora, una transessuale a Belgrado e donne che lavorano in miniera. Sono solo alcune delle storie raccontate nei film selezionati per l’ottava edizione del Terra di Tutti Film Festival, la rassegna internazionale di documentari e cinema sociale da tutto il mondo organizzata dall’8 al 12 ottobre dalle ong COSPE e GVC a Bologna.
Tra i documentari che riguardano l’Africa, due parlano di storie di donne: Eco de Femmes di Carlotta Piccinini (coprodotto da GVC e EleNfant Film), ritrae la vita, il lavoro e le speranze di sei donne che abitano in zone rurali tra il Marocco e la Tunisia, e Tous mes enfants su alcune donne che in Burkina Faso lottano affinché i figli dei sieropositivi nascano sani.
Il pomeriggio di domenica 13, dopo l’apertura delle 14 con il focus “Una domenica africana”, sarà tutto dedicato al documentario. Alle 18 il regista Stefano Liberti introdurrà Container 158, firmato con Enrico Parenti: il film mostra la vita quotidiana al campo rom di via di Salone a Roma, dove l’amministrazione ha raggruppato più di 1000 persone.
Alle 19, in conclusione delle proiezioni pomeridiane e prima delle repliche dei film vincitori del festival, sarà proiettato Sexy Money di Karin Junger, un’esclusiva Terra di Tutti in collaborazione con Gender Bender, festival internazionale sull’identità di genere e sull’orientamento sessuale. Il documentario racconta la storia di alcune ragazze nigeriane venute in Europa come prostitute e poi tornate in Nigeria per costruirsi una nuova vita.

Per il programma completo del festival: www.terradituttifilmfestival.org

[Maria Coletti]

fine_sezione
title_magazine_interno

Presenze africane sulla Croisette

Un po’ in ritardo segnaliamo alcuni dei titoli che sono presentati in questi giorni al 72° Festival di Cannes (14-25 maggio 2019). Per la prima (...)

FESCAAAL 2019: Rih rabani / Divine Wind

Presentato in anteprima mondiale a Toronto, Divine Wind (2018) del veterano Merzak Allouache era senz’altro tra i film più attesi in concorso al (...)

FESCAAAL 2019: tutti i premi

Sabato 30 marzo è stato il giorno delle cerimonie di premiazione del FESCAAAL di Milano. Ne parliamo al plurale, perché ce ne sono state due. La (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha