title_news_large
mercoledì 13 dicembre 2006

Due progetti africani al Festival di Nantes

L’atelier “Produire au Sud” (produrre a Sud) è un seminario che da sette anni trova ospitalità nel Festival dei Tre Continenti di Nantes - che si è chiuso lo scorso 28 novembre - con lo scopo di sostenere le nuove generazioni di registi e produttori asiatici, africani, latinoamericani. Per una settimana, si lavora sui contatti, sui metodi di produzione e coproduzione dal punto di vista legale e finanziario, in modo che registi e produttori abbiano abbastanza strumenti per confrontarsi col mercato internzionale, e vengono offerte conslenze alle sceneggiature. Tra i progetti sviluppati quest’anno, due sono africani: The Djinn (Sudafrica) di Jean e Zinaid Meeran e Sans Sucre (Mauritius) di David Costantin.

fine_sezione
title_magazine_interno

Presenze africane sulla Croisette

Un po’ in ritardo segnaliamo alcuni dei titoli che sono presentati in questi giorni al 72° Festival di Cannes (14-25 maggio 2019). Per la prima (...)

FESCAAAL 2019: Rih rabani / Divine Wind

Presentato in anteprima mondiale a Toronto, Divine Wind (2018) del veterano Merzak Allouache era senz’altro tra i film più attesi in concorso al (...)

FESCAAAL 2019: tutti i premi

Sabato 30 marzo è stato il giorno delle cerimonie di premiazione del FESCAAAL di Milano. Ne parliamo al plurale, perché ce ne sono state due. La (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha