title_news_large
martedì 3 febbraio 2015

Non sposate le mie figlie, dal 5 febbraio

Non sposate le mie figlie (titolo originale: Qu’est-ce que on a fait au bon Dieu) del regista francese Philippe de Chauveron esce in sala in Italia dal 5 febbraio per la 01.
Sull’onda degli scorsi successi commerciali all’insegna del politically "scorrect" e delle commedie sull’integrazione - pensiamo a titoli come Agathe Cléry o Intouchables (Quasi amici) - arriva dalla Francia un altro tourbillon di stereotipi sulla "grande illusione" dell’integrazione, che ha incassato in patria più di dieci milioni di biglietti in sole 12 settimane di programmazione.
In attesa di vederlo e recensirlo, siamo un poco allibiti di fronte al condensato di luoghi comuni che traspare dal trailer del film:
https://www.youtube.com/watch?v=u5NB5yBRuMo
Sempre nell’attesa di vederlo, condividiamo la recensione fatta per Africulture dal critico francese Olivier Barlet:
http://www.africultures.com/php/?nav=article&no=12185

[Maria Coletti]

fine_sezione
title_magazine_interno

JCC: due premi per Fatwa

Si è da poco conclusa la 29ma edizione delle Journées Cinématographiques de Carthage a Tunisi, il più importante festival di cinema dedicato alle (...)

Siamo con MEDITERRANEA

Mediterranea è una piattaforma di realtà della società civile arrivata nel Mediterraneo centrale dopo che le ONG, criminalizzate dalla retorica (...)

Atlantico Festival

Arriva al centro sociale TPO di Bologna - il 22 e 23 settembre - la prima edizione di ATLANTICO, un festival che intende esplorare e valorizzare (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha