title_news_large
venerdì 12 giugno 2015

Napolislam al Biografilm di Bologna

Napolislam sarà presentato in anteprima domani, sabato 13 giugno, al Biografilm Festival di Bologna: il documentario di Ernesto Pagano racconta come a Napoli l’islamizzazione in atto in tutta Europa sia un fenomeno già radicato da tempo.
La famosa piazza Mercato, luogo di culto della Madonna del Carmine, ogni venerdì viene invasa dai tappeti per la preghiera musulmana. Centinaia di uomini scalzi aspettano il sermone dell’Imam Yassin, al secolo Agostino Gentile, convinto che "prima c’erano il comunismo e Che Guevara, adesso c’è l’Islam". Le sue orazioni in perfetto arabo classico sono richieste in tutta la provincia vesuviana, dove i luoghi di preghiera aumentano mese dopo mese.
"Napolislam nasce da lunghi anni di osservazione dei nuovi convertiti all’Islam - spiega Ernesto Pagano alla giornalista Francesca Bellino - ed è il tentativo di un laico di raccontarne il fenomeno. Lo faccio utilizzando l’impareggiabile forza espressiva dei napoletani, mostrando anche i conflitti che sorgono all’interno delle mura domestiche, dove i convertiti devono spesso confrontarsi con i pregiudizi dei familiari. Il risultato, talvolta, è quasi quello di una commedia. E spesso è sorridendo che si capiscono meglio le cose. Napoli è una città dove tutto si mischia e dove si vendono anche le sfogliatelle e i casatielli halal".
Fonte: Ansamed - Articolo di Francesca Bellino

[Maria Coletti]

fine_sezione
title_magazine_interno

Presenze africane sulla Croisette

Un po’ in ritardo segnaliamo alcuni dei titoli che sono presentati in questi giorni al 72° Festival di Cannes (14-25 maggio 2019). Per la prima (...)

FESCAAAL 2019: Rih rabani / Divine Wind

Presentato in anteprima mondiale a Toronto, Divine Wind (2018) del veterano Merzak Allouache era senz’altro tra i film più attesi in concorso al (...)

FESCAAAL 2019: tutti i premi

Sabato 30 marzo è stato il giorno delle cerimonie di premiazione del FESCAAAL di Milano. Ne parliamo al plurale, perché ce ne sono state due. La (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha