title_news_large
lunedì 1 agosto 2016

Venezia 73: un film tunisino alla SIC

"Un film attuale, con un approccio originale alle tematiche dell’immigrazione clandestina e dei territori condivisi", così il regista tunisino Alaeddine Slim definisce il suo primo lungometraggio Akher Wahed Fina ( The Last of Us ), in concorso a Venezia alla Settimana Internazionale della Critica, organizzata dal Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani nell’ambito della 73ma Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia.

The Last of Us è incentrato sul personaggio principale di N., interpretato da Jawher Soudani (spalleggiato dal tunisino Fathi Akkari), ed è la storia di un tentativo sfortunato di una traversata marittima illegale di un giovane sub-sahariano, che termina in mare aperto.
"Questa traversata si trasformerà in un nuovo percorso verso territori sconosciuti per N. che si troverà a fare incontri singolari nel corso del suo viaggio e a incontrare un’immagine alterata di se stesso’’, ha spiegato l’autore del film, girato all’inizio del 2015 e definito dallo stesso regista un nuovo modello di produzione per la Tunisia e un’esperienza umana intensa.
Fonte: Ansamed

[Maria Coletti]

fine_sezione
title_magazine_interno

Presenze africane sulla Croisette

Un po’ in ritardo segnaliamo alcuni dei titoli che sono presentati in questi giorni al 72° Festival di Cannes (14-25 maggio 2019). Per la prima (...)

FESCAAAL 2019: Rih rabani / Divine Wind

Presentato in anteprima mondiale a Toronto, Divine Wind (2018) del veterano Merzak Allouache era senz’altro tra i film più attesi in concorso al (...)

FESCAAAL 2019: tutti i premi

Sabato 30 marzo è stato il giorno delle cerimonie di premiazione del FESCAAAL di Milano. Ne parliamo al plurale, perché ce ne sono state due. La (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha