title_news_large
venerdì 17 marzo 2017

Dal 23 marzo In viaggio con Jacqueline

Dai produttori di Quasi amici arriva in sala dal 23 marzo con Teodora In viaggio con Jacqueline del regista francese di origini algerine Mohamed Hamidi, che firma un road movie come non lo avete mai visto.
Nel segno della favola e dei buoni sentimenti, il film mette in scena il singolare viaggio a piedi di un contadino algerino, molto Candide, di nome Fatah (Fatsah Buoyahmed) dal suo sperduto paesino in Algeria verso la sognata Parigi dopo essere stato invitato, insieme alla sua amata mucca Jacqueline, al Salone dell’Agricoltura. Cosa succede a Fatah e alla sua vacca di razza Tarentaise in questo lungo viaggio? Di tutto. In compagnia di strampalati compagni di viaggio, come il cognato Hassan (Jamel Debbouze).

Dalle note di regia:
“Spesso, durante la stesura della sceneggiatura mi è stato detto che ero troppo naïf o che mi stavo concentrando troppo sui buoni sentimenti. In ogni caso, ho voluto mantenere questo approccio fino alla fine. Come nelle Lettere persiane di Montesquieu, quando qualcuno dotato delle migliori intenzioni e di un atteggiamento positivo arriva in un ambiente non familiare, raccoglie quello che semina. Volevo che Fatah incontrasse persone di mentalità aperta con cui fosse possibile uno scambio di punti di vista. Con una sorta di grazia, semplicità, gentilezza e mancanza di pregiudizi, questo personaggio è capace di dire qualsiasi cosa. E la gente lo adora per questo“.

[Maria Coletti]

fine_sezione
title_magazine_interno

FESCAAAL 2019: il mondo a 360 gradi

Si terrà a Milano, dal 23 al 31 marzo, la 29a edizione del Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina – FESCAAAL, l’unico in Italia (...)

Francofilm 2019: il cinema cresce quando viaggia

Inizia domani la decima edizione di Francofilm - Festival del Film Francofono di Roma, che si svolgerà fino al 14 marzo presso l’Institut Français (...)

Fespaco 2019: la denuncia delle cineaste non allineate

A due giorni dalla fine del Fespaco ci è giunta la notizia di un’azione di denuncia e boicottaggio organizzata da due collettivi di donne cineaste: (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha