title_news_large
mercoledì 22 novembre 2017

MedFilmFestival23: il Palmarès

Si è svolta sabato 18 novembre la cerimonia di chiusura del MedFilm Festival che ha visto la consegna dei premi ai film vincitori delle diverse categorie, mentre il premio alla carriera è stato conferito al regista argelino Merzak Allouache, che ha presentato il suo ultimo lavoro, Investigating Paradise.

Tante le attività che hanno arricchito questa 23° edizione: i MedMeetings, volto a rinnovare gli accordi bilaterali tra Italia e Tunisia; le letture dal Mediterraneo con cinque incontri letterari realizzati presso il Museo MACRO, le Mostre al Museo MACRO, con una collettiva di 15 Artisti Tunisini contemporanei curata dall’Ambasciata di Tunisia; la mostra fotografica “African Mothers” di Mimmo Frassineti sul quartiere sorto all’ombra del Lacor Hospital, in Uganda, nel Mercato rionale di Piazza Alessandria.

Vincitori della 23° edizione del MedFilm Festival:

Concorso Amore e Psiche
Miglior Film: Men Don’t Cry di Alen Drljević
Premio Speciale della Giuria: Wajib di Annemarie Jacir
Premio Espressione Artistica: Summer 1993 di Carla Simon

Concorso Open Eyes
Miglior Documentario: Taste of Cement di Ziad Kalthoum
Menzione Speciale: Panoptic di Rana Eid

Concorso Methexis
Miglior Cortometraggio: Into the Blue di Antoneta Alamat Kusijanovic
Premio Cervantes per il Cortometraggio più creativo: AniMal di Bahram e Bahman Ark
Menzione speciale della Giuria: Yaman di Amer Albarzawi
Menzione speciale della Giuria: Omar

Concorso “Ho girato un mondo- i corti di torno subito”
Premio “Ho girato un mondo- i corti di torno subito”: Clay di Anna Zagaglia
Menzione della Giuria: Strawberry Garden di Alessandro Arfuso

Premi Collaterali del 23° MedFilm Festival
Premio Piuculture, organizzato con il giornale online PiuCulture: Wajib di Annemarie Jacir

Premio delle Giurie Universitarie
Miglior Film: Razzia di Nabil Ayouch
Menzione speciale: La bella e le bestie di Kaouther Ben Hania
Miglior documentario: Gaza Surf Club di Philip Gnadt, Mickey Yamine
Menzione speciale: Of Sheep and Men di Karim Sayad
Miglior Cortometraggio: Animal di Bahram e Bahman Ark
Menzione Speciale: Into the Blue di Antoneta Alamat Kusijanovic

[Maria Coletti]

fine_sezione
title_magazine_interno

FESCAAAL 2019: Rih rabani / Divine Wind

Presentato in anteprima mondiale a Toronto, Divine Wind (2018) del veterano Merzak Allouache era senz’altro tra i film più attesi in concorso al (...)

FESCAAAL 2019: tutti i premi

Sabato 30 marzo è stato il giorno delle cerimonie di premiazione del FESCAAAL di Milano. Ne parliamo al plurale, perché ce ne sono state due. La (...)

FESCAAAL 2019: Tezeta e le piccole zebre del MiWY

La grande novità di questa 29a edizione del Festival del Cinema Africano d’Asia e America Latina di Milano è la nascita di uno spin-off, un vero e (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha