title_news_large
mercoledì 5 settembre 2007

Mostra di Venezia: Marocco Corto Cortissimo

Il meglio del cortometraggio marocchino è in cartellone nella sezione Corto Cortissimo della Mostra veneziana, con due programmi ricchissimi previsti per giovedì 6 e venerdì 7 alle 11.15 in Sala Volpi. Saranno 14 cortometraggi realizzati tra il 1995 e il 2006 a segnalare la rinascita del cinema marocchino, anche nella forma breve, spesso palestra di sperimentazione delle nuove leve cinematografiche, con più di 60 cortometraggi per anno prodotti negli ultimi tre anni. Una consacrazione della nuova onda cinematografica marocchina testimoniata dall’interesse suscitato nei festival internazionali: dopo Venezia, omaggi al cinema marocchino sono previsti a Bruxelles, Roma, Napoli, Ismailia.
Ma vediamo quali sono i cortometraggi in programma, per memorizzare i nomi delle giovani promesse del cinema marocchino. Domani sarà possibile (ri)vedere: Chiens errants di Yasmine Kassari (1995), Au murmure de la fontaine di Kamal Belghmi (2004), Une place au soleil di Rachid Boutounes (2004), R’da di Mohammed Ahed Bensouda (2005), Cadre di Wahid El Moutanna (2005), Accord parental di Mohamed Miftah (2005), Loin des yeux di Ismael Saidi (2005). Venerdì sarà invece la volta di Sang d’encre di Laila Triqui (2005), Le Cadeau di Jamal Souissi (2005), Mawal di Mohammed Chrif Tribak (2005), Astah di Abdelaziz Taleb e Benfaidoul Abdellatif (2006), Le Défunt di Rachid El Ouali (2006), Chambr’a di Rachid Cheikh (2006) e Casa di Ali Benkirane (2006).

fine_sezione
title_magazine_interno

Presenze africane sulla Croisette

Un po’ in ritardo segnaliamo alcuni dei titoli che sono presentati in questi giorni al 72° Festival di Cannes (14-25 maggio 2019). Per la prima (...)

FESCAAAL 2019: Rih rabani / Divine Wind

Presentato in anteprima mondiale a Toronto, Divine Wind (2018) del veterano Merzak Allouache era senz’altro tra i film più attesi in concorso al (...)

FESCAAAL 2019: tutti i premi

Sabato 30 marzo è stato il giorno delle cerimonie di premiazione del FESCAAAL di Milano. Ne parliamo al plurale, perché ce ne sono state due. La (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha