title_news_large
mercoledì 5 settembre 2007

Tutti i colori dell'Africa in una notte

La Notte Bianca di Roma compie 5 anni ed ospiterà anche stavolta una miriade di eventi culturali sparsi in ogni angolo della città, dal centro alle periferie. Tra le mille possibilità che si offrono in questa lunga notte insonne, vi proponiamo alcuni appuntamenti "panafricani", per non dimenticare l’Africa neanche in questa occasione!

Ensemble de Fès, Piazza del Campidoglio, ore 5
Dal Marocco, la tradizione classica della musica arabo-andalusa, un progetto sinfonico che ha per protagonisti i solisti dell’ensemble diretti dal maestro Mohammed Briouel. Caratterizzano il concerto le Nouba: suites articolate in una serie di poemi alternati da interludi strumentali risalenti a un periodo compreso fra il nono e il quindicesimo secolo e oggi eseguite in tutto il mondo arabo, in Europa e negli Stati Uniti.

Concerto dell’Orchestra di Piazza Vittorio, Pontile di Ostia - Piazzale dei Ravennati, ore 24
Un evento che non poteva mancare: 15 musicisti provenienti da 11 paesi e 3 continenti, 8 lingue che si uniscono per creare una musica che non è mai esistita prima, ma che sta facendo il giro d’Europa e del mondo, grazie ai concerti, ai dischi (L’Orchestra di Piazza Vittorio e Sona) e naturalmente al film omonimo di Agostino Ferrente.

Mostra fotografica "Viaggi in Africa", Museo del Vittoriano (via San Pietro in Carcere), dalle 18.30
Oltre 100 immagini del fotografo Stefano Carofei realizzate nel corso dei viaggi in Africa che hanno portato alla realizzazione di una serie di scuole a Maputo, in Rwanda e in Malawi nell’ambito del progetto promosso dal Comune di Roma. Sempre all’interno del Vittoriano, dalle 20, sarà inoltre possibile visitare la mostra "Una scuola per il Malawi": il diario di viaggio - attraverso foto e testimonianze video - degli studenti dei 23 istituti superiori di Roma che hanno partecipato al progetto promosso dal Comune di Roma - Assessorato alle Politiche educative e scolastiche per la costruzione di una scuola in Malawi.

L’altra faccia del mondo. Letture da diari di viaggio, immagini e musiche, Palazzetto Mattei in Villa Celimontana, dalle 22 all’1
Palazzetto Mattei è la sede della Società Geografica Italiana, custode di importanti tesori che hanno fatto la storia delle nostre esplorazioni, attraverso i documenti di viaggiatori e pellegrini di tutta Europa. Seguendo le loro tracce, anche noi diventeremo viaggiatori nel tempo e nello spazio: a Roma con Goethe e il marchese De Sade, in Oriente con Pietro della Valle e in Africa con le prime coraggiose esploratrici, con Carlo Piaggia e Giovanni Miani.

Africa, Asia, America, Oceania, Europa, Piazza del Popolo, dalle 23 alle 3
Dai cinque continenti arrivano a Roma artisti di circo: lingue, corpi e stili differenti tutti insieme per una notte. Con le musiche di Gianni Maroccolo e la direzione artistica di Giorgio Barberio Corsetti, la serata prevede immagini, voli, sospensioni, salti, corde, clown, trapezi, tessuti e canzoni. La geometria della piazza sarà punteggiata dalle postazioni su cui gli artisti, poeti del corpo, si mettono alla prova.

Helios, la saga dei mille soli, Largo San Gregorio - Via dei Cerchi - Piazza Bocca della Verità, dalle 23.30 all’1
Malabar, una delle compagnie storiche del teatro di strada francese, evoca in un gioco di luce e di effetti pirotecnici la nascita del Sole secondo i miti e le leggende dei paesi del Mediterraneo.

Progetto Identità Migranti, Griot Emporio, Piazza di Santa Cecilia 1/a, dalle 18 alle 3
Il locale Emporio Griot propone una serata dedicata interamente al tema della Migrazione, come condizione umana e intellettuale, attraverso una pluralità di espressioni artistiche che indagano il tema dell’identità migrante e della stratificazione del sé, spesso frutto di destini precari ma di esperienze ricche e dinamiche.

Una notte senza confini, Biblioteca Valle Aurelia (via di Valle Aurelia 129), dalle 20 alle 24
Apertura notturna di tutti i servizi della biblioteca. Letture legate al tema della contaminazione culturale e degli apporti culturali dei nuovi cittadini di Roma. Tra una lettura e l’altra, momenti di musica, danza e rinfreschi.

Il mondo in una notte, Biblioteca Elsa Morante, Ostia (via A. Cozza, 7), dalle 20 alle 3
La biblioteca Morante accoglierà il mondo in una notte ospitando artisti e opere di ogni estrazione etnica: dalla Colombia alla Nigeria, dalla Spagna all’America Latina, ed oltre. Concerti, spettacoli, performance ed intrattenimento per bambini.

La campagna in città. Festival Euromediterraneo della Musica di Campagna, Parco Appia Antica, valle della Caffarella, Largo tacchi Venturi, dalle 21.30 alle 8.30
Una lunga notte di suoni, colori e sapori dedicata alla campagna romana e non solo. Dalle 21.30 all’1.30 esibizione di artisti provenienti da tutta l’area del Mediterraneo, tra cui Gnawa Bambara. All’alba, dalle 6.30 alle 8.30 concerto dell’Orchestra Popolare Italiana diretta da Ambrogio Sparagna con la prima assoluta de "L’alba di Giufà", personaggio popolare in tutto il Mediterraneo, con Naat King Veliov, Redi Hasa, Sandu Gruia "Sandokan", Jasemin Sannino e Abdenbi El Gadari. Dopo il concerto, l’Oasi Bianca di Azienda Romana Mercati offrirà a tutti i presenti una colazione tipica romana.

fine_sezione
title_magazine_interno

Presenze africane sulla Croisette

Un po’ in ritardo segnaliamo alcuni dei titoli che sono presentati in questi giorni al 72° Festival di Cannes (14-25 maggio 2019). Per la prima (...)

FESCAAAL 2019: Rih rabani / Divine Wind

Presentato in anteprima mondiale a Toronto, Divine Wind (2018) del veterano Merzak Allouache era senz’altro tra i film più attesi in concorso al (...)

FESCAAAL 2019: tutti i premi

Sabato 30 marzo è stato il giorno delle cerimonie di premiazione del FESCAAAL di Milano. Ne parliamo al plurale, perché ce ne sono state due. La (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha