title_news_large
giovedì 3 gennaio 2008

Una commedia interculturale per la Comencini

Esce il prossimo 11 gennaio il film Bianco e nero, l’ultima fatica di Cristina Comencini, che torna alla commedia dopo una parentesi drammatica (Il più bel giorno della mia vita, La bestia nel cuore) e un documentario in Africa (Il nostro Rwanda). Dieci settimane di riprese, tutte a Roma, con location che il produttore Riccardo Tozzi definisce in qualche caso "clamorose", e un budget di 5 milioni: il film, prodotto da Cattleya con Rai Cinema e distribuito da 01, mette insieme quattro attori intensi, quattro rivelazioni del cinema italiano e di quello franco-africano: Fabio Volo, Ambra Angiolini, Aïssa Maïga, Eriq Ebouaney.
Sceneggiato con la figlia Giulia Calenda e con Maddalena Ravagli, il film della Comencini racconta la storia di un colpo di fulmine tra l’italiano Carlo (Fabio Volo) e l’africana Nadine (Aïssa Maïga), entrambi sposati: lui con Elena (Ambra Angiolini) e lei con Bertrand (Eriq Ebouaney). «Un innamoramento così inconsueto provoca effetti paradossali nelle famiglie e nei diversi ambienti, sia in quelli italiani che in quelli africani - spiega la regista - ma nonostante il film sia molto passionale e romantico, credo che la maniera migliore per tirare fuori situazioni che non osiamo rivelare a noi stessi sia sempre la commedia. Cercheremo quindi di prendere in giro le finte certezze a livello individuale descrivendo non tanto il razzismo eclatante ma quello che ognuno porta dentro di sé».
Da sottolineare la presenza in due ruoli chiave di due volti emergenti del cinema panafricano: la senegalese Aïssa Maïga (Caché di Michael Haneke, Bamako di Abderrahmane Sissako) e il francese di origini camerunesi Eriq Ebouaney (Lumumba di Raoul Peck, Africa Paradis di Sylvestre Amoussou).

fine_sezione
title_magazine_interno

Presenze africane sulla Croisette

Un po’ in ritardo segnaliamo alcuni dei titoli che sono presentati in questi giorni al 72° Festival di Cannes (14-25 maggio 2019). Per la prima (...)

FESCAAAL 2019: Rih rabani / Divine Wind

Presentato in anteprima mondiale a Toronto, Divine Wind (2018) del veterano Merzak Allouache era senz’altro tra i film più attesi in concorso al (...)

FESCAAAL 2019: tutti i premi

Sabato 30 marzo è stato il giorno delle cerimonie di premiazione del FESCAAAL di Milano. Ne parliamo al plurale, perché ce ne sono state due. La (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha