title_news_large
sabato 26 gennaio 2008

Vivere insieme: un ciclo di cinema francese

Inizia il 28 gennaio al Centre Culturel Saint-Louis de France un ciclo cinematografico dal titolo "Vivre ensemble" (Vivere insieme). Gli otto film in programma si impegnano a rivelare al massimo gli entusiasmi, le speranze, i dolori e le frustrazioni di una gioventù sempre più minacciata dalla precarietà e dalle esclusioni. Tra i film selezionati, alcuni affrontano in maniera più o meno diretta il tema delle periferie francesi e della società interculturale, a cominciare dal celebre La Haine (L’odio) di Mathieu Kassovitz, che apre la rassegna lunedì 28 gennaio alle 21. Segnaliamo anche altri due film da non perdere: Zim and Co di Pierre Jolivet, in programma il 25 e 27 febbraio, e Wesh wesh qu’est-ce qui se passe? di Rabah Ameur-Zaimeche, che sarà proiettato il 10 e il 12 marzo.
Zim and Co - presentato nel 2005 a Cannes nella sezione Un Certain Regard - è una commedia che racconta la vita quotidiana di un gruppo di adolescenti francesi alle prese con i dubbi e i problemi di chi si affaccia alla vita. Wesh wesh è invece l’opera prima del regista di origine algerina autore di Bled Number One, il suo secondo film con il quale è stato premiato a Cannes e a Torino. Il film narra la storia di Kamel, interpretato dallo stesso Rabah Ameur-Zaimeche, che esce di prigione e tenta di reinserirsi nel mondo del lavoro grazie all’aiuto della sua famiglia, ma diviene poco a poco un attento osservatore del degrado sociale del suo quartiere.
Gli spettacoli, tutti in versione originale francese senza sottotitoli, sono ad ingresso libero e si tengono il lunedì alle ore 21 e il mercoledì alle ore 17.
Centre Culturel Saint-Louis de France
Largo Toniolo 20
www.saintlouisdefrance.it

fine_sezione
title_magazine_interno

Presenze africane sulla Croisette

Un po’ in ritardo segnaliamo alcuni dei titoli che sono presentati in questi giorni al 72° Festival di Cannes (14-25 maggio 2019). Per la prima (...)

FESCAAAL 2019: Rih rabani / Divine Wind

Presentato in anteprima mondiale a Toronto, Divine Wind (2018) del veterano Merzak Allouache era senz’altro tra i film più attesi in concorso al (...)

FESCAAAL 2019: tutti i premi

Sabato 30 marzo è stato il giorno delle cerimonie di premiazione del FESCAAAL di Milano. Ne parliamo al plurale, perché ce ne sono state due. La (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha