title_news_large
mercoledì 24 gennaio 2007

“Riparo-Anis tra di noi” alla Berlinale

A cinque anni dal sorprendente esordio con Quello che cerchi, Marco Simon Puccioni torna sugli schermi con Riparo-Anis tra di noi e lo fa con una prima mondiale prestigiosa, nella sezione Panorama della Berlinale, e con una storia a tre, sulla carta densa di implicazioni scottanti. Il plot, scritto da Clara Ferri e Monica Rametta (Occidente, Giorni), e sceneggiato da Puccioni con la Rametta e Heidrun Schleef (La stanza del figlio, Ricordati di me), si accende quando nella dinamica di coppia già complessa che lega la padrona Anna/Maria de Medeiros e l’operaia Mara/Antonia Liskova fa irruzione un giovane immigrato maghrebino, interpretato dall’esordiente Mounir Ouadi. Le luci del film sono di uno dei più visionari direttori della fotografia del cinema arabo (e non solo), il tunisino Tarek Ben Abdallah (Giro di lune tra terra e mare, Poupées d’argile, Le Prince). Riparo, una coproduzione italo-francese promossa da Mario Mazzarotto per Intel Film e Adésif, in collaborazione con Rai Cinema, la Commissione Cinema del Friuli, il Programma Media ed Eurimage, concorre per il Premio Panorama Audience Award.
Sempre in Panorama è prevista una selezione di sei corti, curata dall’associazione SFD - Schwarze Filmschaffende Deutschland (Blacks in Film/Germany): Todd Ford, Ezra Tsegaye, Sebastian Kühne, Branwen Okpako, John A. Kantara, Winta Yohannes e Otu Tetteh firmano altrettanti ritratti ad attori neri che vivono e lavorano nella multiculturale Germania.

fine_sezione
title_magazine_interno

Presenze africane sulla Croisette

Un po’ in ritardo segnaliamo alcuni dei titoli che sono presentati in questi giorni al 72° Festival di Cannes (14-25 maggio 2019). Per la prima (...)

FESCAAAL 2019: Rih rabani / Divine Wind

Presentato in anteprima mondiale a Toronto, Divine Wind (2018) del veterano Merzak Allouache era senz’altro tra i film più attesi in concorso al (...)

FESCAAAL 2019: tutti i premi

Sabato 30 marzo è stato il giorno delle cerimonie di premiazione del FESCAAAL di Milano. Ne parliamo al plurale, perché ce ne sono state due. La (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha