title_news_large
giovedì 28 febbraio 2008

TV5 Monde contro Sarkozy

Il canale satellitario TV5 Monde ha manifestato apertamente il proprio disappunto nei confronti della decisione del presidente francese Sarkozy di creare una nuova holding, la France-Monde, che incorpori tre importanti emittenti radio-televisive: oltre a TV5 Monde, appunto, anche Radio France Internationale e France 24.
La protesta ha portato a creare un sito internet battezzato "TV5 Monde riposte", per unire le forze di tutti coloro che "cercano di assicurare la sopravvivenza di un canale satellitare diverso dagli altri". Sul sito, è consultabile una petizione in più lingue, per raccogliere le firme di chi si oppone all’idea di Sarkozy di "trasformare uno dei più grandi operatori culturali della francofonia in un semplice strumento di propaganda franco-francese". Come affermano i rappresentanti di TV5 Monde nel comunicato diffuso via internet e pubblicato sul sito: "La francofonia è un legame che unisce 55 stati nei quattro angoli del mondo. La lingua francese ha certo la sua origine in Francia, ma oramai appartiene ad una comunità di diverse centinaia di milioni di persone, alla quale la Francia deve essere fiera di appartenere. Affermiamo la necessità che TV5 Monde rimanga la vetrina della francofonia e non serva solo gli interessi dello stato francese: per questo sosteniamo la lotta del canale satellitare della diversità culturale e di tutto il suo personale".
Per consultare il sito e la petizione: http://tv5monde.riposte.free.fr

fine_sezione
title_magazine_interno

Presenze africane sulla Croisette

Un po’ in ritardo segnaliamo alcuni dei titoli che sono presentati in questi giorni al 72° Festival di Cannes (14-25 maggio 2019). Per la prima (...)

FESCAAAL 2019: Rih rabani / Divine Wind

Presentato in anteprima mondiale a Toronto, Divine Wind (2018) del veterano Merzak Allouache era senz’altro tra i film più attesi in concorso al (...)

FESCAAAL 2019: tutti i premi

Sabato 30 marzo è stato il giorno delle cerimonie di premiazione del FESCAAAL di Milano. Ne parliamo al plurale, perché ce ne sono state due. La (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha