title_news_large
sabato 22 marzo 2008

Videozoom: il Marocco in mostra

La Galleria Sala 1 di Roma presenta, per la prima volta in Italia, una mostra di videoartisti del Marocco e con il settimo appuntamento di Videozoom, prosegue l’impegno verso l’arte dei paesi emergenti, rivolgendosi al mondo arabo.
La manifestazione, a cura di Francesca Gallo, è la prima sostenuta dalla Fondation Hassan II nel nostro paese: inaugurata lo scorso 17 marso la mostra prosegue fino al 2 aprile e presenta contemporaneamente un utile catalogo edito da Gangemi.
Storica porta fra l’Africa e l’Europa, il Marocco è interessato da un rapido processo di modernizzazione, a cui non è estranea neppure la comunità marocchina in Italia, la più numerosa nel nostro paese, che ha collaborato al progetto.
Negli anni ’90, assieme alle trasformazioni politiche, il Marocco vede emergere nuovi artisti, che sperimentano una pluralità di linguaggi, contaminati con l’universo della comunicazione mediatica, e che affrontano temi d’attualità come la censura o la passata repressione. Fra questi Mounir Fatmi, uno degli artisti africani di maggior successo internazionale, che riflette sugli stereotipi culturali e sulla negazione dell’autorappresentazione; e Brahim Bachiri, che si interroga sull’essere marocchini oggi.
Dal 2000 molti giovani videomaker sono presenti ai festival internazionali, fra questi Mohamed Ezoubeiri, Mourad El Figuigui, e Hassan Boufous che operano in patria e sono originali osservatori di un mondo in trasformazione.
Bouchra Khalili, invece, ha scelto il Mediterraneo – frontiera ideale e materiale fra punti di vista e aspettative spesso contrapposte – come tema cardine della propria ricerca, mentre Fatima Mazmouz, si concentra sull’identità di artista e donna.
Infine, Videozoom Marocco presenta alcuni degli animatori del Collectif212, fondato da artisti attivi in Marocco, tra i quali Amina Benbouchta e Saafa Erruas, alla loro prima collaborazione per un video, e Younès Rahmoun, tutti caratterizzati da una ricerca che coniuga forme, materiali e idee della tradizione culturale del Marocco, con i linguaggi dell’arte contemporanea occidentale e dei new media.
Dopo la tappa romana, la rassegna sarà presentata anche a Bari, Bologna, Frosinone, Milano, Viterbo e Philadelphia (USA).

Info:
Videozoom Marocco. Identità in transito
17 marzo-2 aprile, dal martedì al sabato, 16.30-19.30
Sala 1 - Centro Internazionale d’Arte Contemporanea
Piazza di Porta San Giovanni, 10 – 00185 Roma
Tel: +39067008691
Sito: www.salauno.com

[Maria Coletti]

fine_sezione
title_magazine_interno

Presenze africane sulla Croisette

Un po’ in ritardo segnaliamo alcuni dei titoli che sono presentati in questi giorni al 72° Festival di Cannes (14-25 maggio 2019). Per la prima (...)

FESCAAAL 2019: Rih rabani / Divine Wind

Presentato in anteprima mondiale a Toronto, Divine Wind (2018) del veterano Merzak Allouache era senz’altro tra i film più attesi in concorso al (...)

FESCAAAL 2019: tutti i premi

Sabato 30 marzo è stato il giorno delle cerimonie di premiazione del FESCAAAL di Milano. Ne parliamo al plurale, perché ce ne sono state due. La (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha