title_news_large
mercoledì 16 aprile 2008

Jean-Léonard Touadi in Parlamento

Lo scrittore e giornalista Jean-Léonard Touadi - ex Assessore alle Politiche Giovanili, all’Università e alla Sicurezza del Comune di Roma - è stato eletto alla Camera nel collegio Lazio 1 con l’Italia dei valori e sarà così il primo parlamentare originario dell’Africa subsahariana nella storia italiana.
Nato nel 1959 nel Congo-Brazzaville, Touadi vive in Italia dal 1979 e si è laureato a Roma in Filosofia all’Università Gregoriana e in Giornalismo e Scienze politiche alla Luiss. Ha collaborato a numerosi programmi radiofonici e televisivi della Rai, tra cui "Permesso di Soggiorno" (Radiouno), "C’era una volta" (Rai Tre) e "Un Mondo a Colori" (Rai Due), di cui è stato autore e conduttore. Si occupa da anni dei temi legati all’intercultura, ai rapporti Nord-Sud e alla globalizzazione, ed è uno degli opinionisti e collaboratori storici di Nigrizia, sulle cui pagine cura mensilmente la rubrica Sesto Continente. Touadi ha inoltre scritto alcune opere fondamentali sulla storia, la cultura e la geopolitica del continente africano, tra cui Africa. La pentola che bolle (EMI, 2003), Congo. Ruanda. Burundi. Le parole per conoscere (Editori Riuniti, 2004) e L’Africa in pista (SEI, 2006).
Con un curriculum del genere, non possiamo che augurargli buon lavoro, sicuri che porterà anche in Parlamento la passione civile e l’onestà intellettuale dimostrate finora come giornalista, come scrittore e come assessore.

[Maria Coletti]

fine_sezione
title_magazine_interno

Presenze africane sulla Croisette

Un po’ in ritardo segnaliamo alcuni dei titoli che sono presentati in questi giorni al 72° Festival di Cannes (14-25 maggio 2019). Per la prima (...)

FESCAAAL 2019: Rih rabani / Divine Wind

Presentato in anteprima mondiale a Toronto, Divine Wind (2018) del veterano Merzak Allouache era senz’altro tra i film più attesi in concorso al (...)

FESCAAAL 2019: tutti i premi

Sabato 30 marzo è stato il giorno delle cerimonie di premiazione del FESCAAAL di Milano. Ne parliamo al plurale, perché ce ne sono state due. La (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha