title_news_large
sabato 26 aprile 2008

I premi del RIFF

Si è conclusa lo scorso 24 aprile la kermesse cinematografica internazionale del RIFF, Roma Independent Film Festival, con una partecipazione, nei sette giorni di programmazione, di circa 20mila persone e che ha visto 80 opere in concorso – tra lungometraggi, cortometraggi e documentari – provenienti da oltre 30 paesi.
Nella serata conclusiva del festival sono stati assegnati i RIFF Awards 2008, decisi dalla giuria internazionale composta, tra gli altri, da Andrea Osvart, Libero De Rienzo, Francesca Inaudi, Paul Zonderland, Umberto Massa, Laura Muscardin, Rudolph Gentile.
Il Premio al Miglior Documentario è stato attribuito a The Greatest Silence: Rape in the Congo della documentarista statunitense Lisa F. Jackson, già premiata al Sundance, il festival del cinema indipendente creato da Robert Redford. Girato in Congo nel 2006, il film rompe il silenzio che circonda la condizione di migliaia di donne e ragazze che sono state sistematicamente stuprate, schiavizzate e torturate nel corso della terribile guerra civile del paese.
La regista, essa stessa sopravvissuta ad una violenza di gruppo, intervista dozzine di sopravvissute e parla con attivisti, medici, operatori di pace e con gli stessi stupratori. Un viaggio in un “Inferno sulla terra per le donne”, una ricerca che fornisce una lacerante prospettiva dell’orrore e insieme un accesso privilegiato ad esempi di forza, resistenza e coraggio.

[Maria Coletti]

fine_sezione
title_magazine_interno

Presenze africane sulla Croisette

Un po’ in ritardo segnaliamo alcuni dei titoli che sono presentati in questi giorni al 72° Festival di Cannes (14-25 maggio 2019). Per la prima (...)

FESCAAAL 2019: Rih rabani / Divine Wind

Presentato in anteprima mondiale a Toronto, Divine Wind (2018) del veterano Merzak Allouache era senz’altro tra i film più attesi in concorso al (...)

FESCAAAL 2019: tutti i premi

Sabato 30 marzo è stato il giorno delle cerimonie di premiazione del FESCAAAL di Milano. Ne parliamo al plurale, perché ce ne sono state due. La (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha