title_news_large
domenica 11 maggio 2008

Javier Bardem per il popolo Saharaui

Nell’ambito della 5. edizione del Festival Internacional de Cine del Sahara che si è svolto dal 15 al 20 aprile 2008 nel campo di rifugiati a Dajla, nel Sud dell’Algeria, è nata una piattaforma di solidarietà con il popolo Saharaui: Todos con el Sahara.
Diretta dall’attore spagnolo Javier Bardem – al quale si sono affiancati altri attori come Rosa María Sardá, Carmelo Gómez, Verónica Forqué o Guillermo Toledo e registi come Fernando Colomo, Icíar Bollaín e Julio Medem – la piattaforma è stata presentata lo scorso 5 maggio a Madrid, per lanciare una grande raccolta di firme da sottoporre al governo spagnolo: l’obbiettivo è quello di raggiungere 500.000 firme entro il 15 settembre 2008, a sostegno dell’appello al governo spagnolo, perché riconosca lo stato diplomatico del Fronte Polisario e perché la Spagna possa guidare una soluzione pacifica e giusta a questo dramma che coinvolge più di 2000.000 persone – un tempo spagnole – abbandonate nel deserto da 33 anni.
Sul sito del festival, potrete trovare informazioni più approfondite sul progetto e scoprire i film vincitori dell’edizione 2008.
Sul sito della piattaforma Todos con el Sahara è possibile firmare l’appello ed inoltre vedere lo spot di Javier Bardem e un cortometraggio sui campi Saharaui.

Per visitare il sito del festival: www.festivalsahara.com
Per firmare l’appello e vedere i video: www.todosconelsahara.com

[Maria Coletti]

fine_sezione
title_magazine_interno

Presenze africane sulla Croisette

Un po’ in ritardo segnaliamo alcuni dei titoli che sono presentati in questi giorni al 72° Festival di Cannes (14-25 maggio 2019). Per la prima (...)

FESCAAAL 2019: Rih rabani / Divine Wind

Presentato in anteprima mondiale a Toronto, Divine Wind (2018) del veterano Merzak Allouache era senz’altro tra i film più attesi in concorso al (...)

FESCAAAL 2019: tutti i premi

Sabato 30 marzo è stato il giorno delle cerimonie di premiazione del FESCAAAL di Milano. Ne parliamo al plurale, perché ce ne sono state due. La (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha