title_news_large
giovedì 5 aprile 2007

A Bologna il festival dei diritti umani

Human Rights Nights è un festival di cinema e arti dedicato ai diritti umani, ideato nel 2001 dalla Cineteca di Bologna. La settima edizione del festival internazionale (Bologna e Forlì, 13-20 Aprile) presenta registi che usano la propria videocamera o cinepresa come strumento di una ‘resistenza visuale’ per un mondo più giusto. Per una più forte comunicazione del rispetto dei diritti umani, insieme al cinema il festival proporrà diverse forme artistiche, quali l’arte contemporanea, la musica, il teatro e la fotografia. Il tema di quest’anno è "Migrazioni e Diversità". Oltre ad una panoramica generale sulle ultime produzioni cinematografiche, le retrospettive sono dedicate a: Cinema Migrante (Black British Cinema, British Asian Cinema, Cinema dell’esilio e della diaspora), Emigrazioni e Colonialismi italiani, un reportage sul ‘genocidio silenzioso’ dei migranti nel Mar Mediterraneo. Il festival propone inoltre due omaggi, al videoartista di origine etiope Theo Eshetu e all’artista messicano Guillermo Gomez Peña, che presenta anche una mostra fotografica interattiva, Chica-Iranian Project. Il festival si aprirà il 12 aprile con il bellissimo lungometraggio documentario di Spike Lee, When The Levees Broke: A Requiem In Four Acts sulle tragiche conseguenze dell’uragano Katrina per la gente di New Orleans, abbandonata a ritardi ingiustificabili nei soccorsi. Il 13 aprile, si terrà invece un convegno su “Migrazione e Diversità” con artisti, esponenti delle istituzioni e del mondo accademico, attivisti dei diritti umani e giornalisti, che discuteranno di politica culturale, diritti civili, razzismo e xenofobia, e della rappresentazione della diversità attraverso moda e musica. Il Festival prevede una competizione internazionale, con un riconoscimento al Miglior Lungometraggio e al Miglior Cortometraggio. Il premio sarà assegnato da una giuria internazionale. Tra i film che hanno ricevuto premi e riconoscimenti nei maggiori festival internazionali, ricordiamo Daratt di Mahamet Saleh-Haroun e Return to Goree di Pierre-Yves Borgeaud con Youssou N’Dour. Il sito: www.humanrightsnights.org

fine_sezione
title_magazine_interno

Presenze africane sulla Croisette

Un po’ in ritardo segnaliamo alcuni dei titoli che sono presentati in questi giorni al 72° Festival di Cannes (14-25 maggio 2019). Per la prima (...)

FESCAAAL 2019: Rih rabani / Divine Wind

Presentato in anteprima mondiale a Toronto, Divine Wind (2018) del veterano Merzak Allouache era senz’altro tra i film più attesi in concorso al (...)

FESCAAAL 2019: tutti i premi

Sabato 30 marzo è stato il giorno delle cerimonie di premiazione del FESCAAAL di Milano. Ne parliamo al plurale, perché ce ne sono state due. La (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha