title_news_large
giovedì 10 settembre 2009

Burnett: un film sulla mamma di Obama

La vita della mamma di Barack Obama, Stanley Ann Dunham, diventerà un film le cui riprese inizieranno l’anno prossimo tra Indonesia, Hawaii e Washington. Ad annunciare l’arrivo del documentario dal titolo Stanley Ann Dunham: A Most Generous Spirit per la regia di Charles Burnett sono le produzioni Aloe Entertainment, IMG e Schroeder-Ptacek, spiegando di sperare che lo stesso presidente Obama possa partecipare al progetto: “E’ stata la colonna vertebrale del nostro attuale presidente e gli ha trasmesso la compassione per la gente, una donna affascinante", come ha commentato la produttrice esecutiva del film, Mary Aloe, a The Hollywood Reporter.
Morta nel novembre del 1995 a 52 anni per un cancro all’utero, Stanley Ann Dunham aveva precorso i tempi avviando programmi di microcredito in Indonesia, dove è vissuta con il piccolo Barack e con il suo secondo marito, l’indonesiano Lolo Soetoro, dal quale ha avuto nel 1970 una bimba, Maya. Originaria del Kansas, dove era nata nel 1942, la mamma di Obama è stata chiamata Stanley dai suoi genitori che volevano un figlio maschio ed ha iniziato a presentarsi come Ann negli anni dell’adolescenza. Il nonno paterno di Obama era un rivenditore di mobili in cerca di fortuna e la giovane Ann, nei suoi primi anni, ha seguito la famiglia in quattro diversi stati, prima del trasferimento alle Hawaii dove, nel 1961, ha sposato il padre di Obama.
Perfetta la scelta di Charles Burnett: classe 1944, un Master of Fine Arts all’UCLA, dove ha studiato fianco a fianco e condiviso i set di altri arrabbiati e talentosi filmmaker neri come Haile Gerima e Julie Dash, dando vita a quella che poi sarebbe stata chiamata la “scuola di LA”, Burnett è stato negli ultimi anni omaggiato dalla Berlinale, dal Festival di Roma e da due retrospettive a Washington e New York.
Fonte: Adnkronos

[Maria Coletti]

fine_sezione
title_magazine_interno

Presenze africane sulla Croisette

Un po’ in ritardo segnaliamo alcuni dei titoli che sono presentati in questi giorni al 72° Festival di Cannes (14-25 maggio 2019). Per la prima (...)

FESCAAAL 2019: Rih rabani / Divine Wind

Presentato in anteprima mondiale a Toronto, Divine Wind (2018) del veterano Merzak Allouache era senz’altro tra i film più attesi in concorso al (...)

FESCAAAL 2019: tutti i premi

Sabato 30 marzo è stato il giorno delle cerimonie di premiazione del FESCAAAL di Milano. Ne parliamo al plurale, perché ce ne sono state due. La (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha