title_news_large
domenica 13 settembre 2009

Spenti i riflettori sul Lido: un bilancio

Trionfa tra qualche polemica il film israeliano Lebanon, che vince il Leone d’Oro della 66. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica sconvolgendo i pronostici che davano come favorito Life During Wartime di Todd Solondz.
L’Africa, nonostante una ricca presenza di film panafricani distribuiti nelle varie sezioni, non ha ricevuto molti riconoscimenti.
Tra i premi ufficiali il cortometraggio sudafricano, Eersgeborene (First Born, 2009) di Etienne Kallos, ha vinto nella sezione Corto Cortissimo: la giuria composta dal presidente Stuart Gordon (regista, produttore e sceneggiatore statunitense), Alieva Sitora (attrice russa, critica e direttrice di festival) e Steve Ricci (docente e studioso di cinema statunitense, responsabile anche di una cineteca) ha assegnato il premio al film del regista greco-sudafricano Etienne Kallos che si è formato negli Stati Uniti presso la NYU Graduate Film School. First Born è ambientato in una fattoria di struzzi dove due fratelli impazziscono e precipitano nel matricidio. Un lavoro che esplora i temi della sessualità e dell’identità all’interno della comunità Afrikaans post – apartheid.
Tra i premi minori al film egiziano di Ahmed Maher, Al Mosafer (The Traveller), è stato assegnato il Premio Speciale Christopher D. Smithers Foundation. The Traveller, è il primo lungometraggio di finzione del regista egiziano che racconta tre giorni che segnano la vita di un uomo attraverso il quale si percorrono anche i cambiamenti di un paese dal 1948 al 2001.
Al termine di questa edizione del festival rimane il rammarico per non aver visto in concorso il complesso, affascinante e incisivo Ehky ya Schahrazad (Scheherazade, raccontami una storia, 2009), vincitore del Premio Lina Mangiacapre.

[Alice Casalini | 66. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia]

fine_sezione
title_magazine_interno

Presenze africane sulla Croisette

Un po’ in ritardo segnaliamo alcuni dei titoli che sono presentati in questi giorni al 72° Festival di Cannes (14-25 maggio 2019). Per la prima (...)

FESCAAAL 2019: Rih rabani / Divine Wind

Presentato in anteprima mondiale a Toronto, Divine Wind (2018) del veterano Merzak Allouache era senz’altro tra i film più attesi in concorso al (...)

FESCAAAL 2019: tutti i premi

Sabato 30 marzo è stato il giorno delle cerimonie di premiazione del FESCAAAL di Milano. Ne parliamo al plurale, perché ce ne sono state due. La (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha