title_news_large
sabato 19 settembre 2009

District 9: apartheid e fantascienza

Il governo della Nigeria chiede ai cinema di vietare la proiezione del film di fantascienza sudafricano District 9, giudicato offensivo perché dipingerebbe i nigeriani come “criminali, cannibali e prostitute”.
Il film District 9, realizzato dal regista sudafricano Neill Blomkamp, è una sorta di metafora del regime razzista dell’apartheid ed ipotizza un gruppo di extraterrestri che atterra a Johannesburg da un’astronave in panne ed è costretto a vivere in un ghetto, all’interno di una township.
Fonte: Ansa

[Maria Coletti]

fine_sezione
title_magazine_interno

Presenze africane sulla Croisette

Un po’ in ritardo segnaliamo alcuni dei titoli che sono presentati in questi giorni al 72° Festival di Cannes (14-25 maggio 2019). Per la prima (...)

FESCAAAL 2019: Rih rabani / Divine Wind

Presentato in anteprima mondiale a Toronto, Divine Wind (2018) del veterano Merzak Allouache era senz’altro tra i film più attesi in concorso al (...)

FESCAAAL 2019: tutti i premi

Sabato 30 marzo è stato il giorno delle cerimonie di premiazione del FESCAAAL di Milano. Ne parliamo al plurale, perché ce ne sono state due. La (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha