title_news_large
lunedì 12 marzo 2007

Il cinema del Mediterraneo a Lunel

In arrivo la 23. edizione delle Semaines du Cinéma Méditerranéen à Lunel, organizzate dall’associazione Pêcheurs d’Images (Pescatori d’Immagini). Oltre a un variegato assortimento di diversi titoli recenti provenienti dai paesi del Mediterraneo - tra cui Spagna, Francia, Turchia, Libano, Serbia, Italia (Il caimano) - il festival propone un focus sull’Algeria, con i titoli più interessanti dell’ultima produzione. Dall’opera prima Barakat! di Djamila Sahraoui al pluripremiato Indigènes del franco-algerino Rachid Bouchareb, passando per un film sulla guerra d’Algeria (La Trahison del francese Philippe Faucon) e per l’opera prima dell’attore Roschdy Zem - uno dei protagonisti del film Indigènes - che è passato nel 2006 dietro la macchina da presa con il film Mauvaise foi (entrambi i film premiati con le Etoiles d’Or 2007 del cinema francese, come miglior film e come migliore opera prima). Prevista inoltre una tavola rotonda sul "Rinnovamento del cinema algerino", alla quale parteciperà come ospite d’onore anche la regista Rachida Krim.

fine_sezione
title_magazine_interno

Presenze africane sulla Croisette

Un po’ in ritardo segnaliamo alcuni dei titoli che sono presentati in questi giorni al 72° Festival di Cannes (14-25 maggio 2019). Per la prima (...)

FESCAAAL 2019: Rih rabani / Divine Wind

Presentato in anteprima mondiale a Toronto, Divine Wind (2018) del veterano Merzak Allouache era senz’altro tra i film più attesi in concorso al (...)

FESCAAAL 2019: tutti i premi

Sabato 30 marzo è stato il giorno delle cerimonie di premiazione del FESCAAAL di Milano. Ne parliamo al plurale, perché ce ne sono state due. La (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha